I ghiacciai delle Dolomiti

Pagina 10 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Apr 15, 2015 11:15 am

Versante Est di Cima Tosa, foto di Vittorio Sella (fine XIX secolo)... Shocked Shocked Shocked




Era un ghiacciaio tutta la conca che si incontra scendendo dalla Sella di Tosa (traversando dall'Agostini al Brentari)... semplicemente pazzesco Surprised Surprised Surprised
E date pure un occhio alla calotta sommitale...  Shocked


[immagine postata da Enrico Rovelli su MNW]
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mar Apr 28, 2015 11:02 am

In Prevala (nivometro del Livinal Lunc) appena 151 cm di neve (l'anno scorso penso si viaggiasse in questo periodo sopra i 5 metri).



Sarà un anno interessante, perchè dopo le precipitazioni record del 2013/14 è resistito per tutta l'estate un consistente accumulo di nevato... a fine stagione ablativa 2015 vedremo se sarà stato intaccato o meno il firn dell'anno precedente, o nella peggiore delle ipotesi se sparirà di nuovo tutto (il glacionevato del Prevala non è perenne), a dimostrazione (in quest'ultimo caso) che sono le T° estive a determinare il ritiro generalizzato dei ghiacciai più che la quantità di precipitazioni (che anzi, in alcuni anni recenti sono state addirittura record).

Personalmente, sono abbastanza pessimista per l'estate 2015 (ma spero di sbagliarmi mrgreen mrgreen ). ciao!
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Lun Mag 04, 2015 9:15 pm

Poca neve in quota comunque (innevamento buono solo sopra i 2500 metri in Dolomiti).



Fin sui 2000/2200 a sud neve completamente fusa: la situazione ricorda più un inizio di giugno che di maggio... e le prospettive per la prima metà di maggio non sembrane favorevoli per la conservazione del manto No No vediamo il proseguo... buona serata. ciao! Wink
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Mag 06, 2015 4:39 pm

alessandro ha scritto:In Prevala (nivometro del Livinal Lunc) appena 151 cm di neve (l'anno scorso penso si viaggiasse in questo periodo sopra i 5 metri).



Sarà un anno interessante, perchè dopo le precipitazioni record del 2013/14 è resistito per tutta l'estate un consistente accumulo di nevato... a fine stagione ablativa 2015 vedremo se sarà stato intaccato o meno il firn dell'anno precedente, o nella peggiore delle ipotesi se sparirà di nuovo tutto (il glacionevato del Prevala non è perenne), a dimostrazione (in quest'ultimo caso) che sono le T° estive a determinare il ritiro generalizzato dei ghiacciai più che la quantità di precipitazioni (che anzi, in alcuni anni recenti sono state addirittura record).

Personalmente, sono abbastanza pessimista per l'estate 2015 (ma spero di sbagliarmi mrgreen mrgreen ). ciao!
Situazione al 6 maggio...



Dopo un aprile in cui ci si era difesi abbastanza bene (appena una 70ina di cm di fusione, concentrati sul finire del mese)... ora, in poco meno di 10 giorni ben 50 cm! Rinnovo il mio pessimismo sulla stagione estiva entrante...
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  Ad_adri il Mer Mag 06, 2015 4:43 pm

Sono pessimista anche io , stranamente  in questi primi mesi del 2015 sono diminuite le precipitazioni in genere, dopo un anno nel quale si è sfiorato il record storico di piovosità ( Musi a quasi 6000 mm)
avatar
Ad_adri

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 21.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Gio Mag 07, 2015 1:54 pm

Da l'Adige di oggi:

Negli ultimi
50 anni la superficie complessiva dei ghiacciai trentini si è dimezzata,
riducendosi del 52%. Attualmente in Trentino si fondono ogni anno circa 35
milioni di metri cubi di ghiaccio, un volume d'acqua paragonabile a quello del
lago di Levico. Nel 1958 i ghiacciai del Trentino raggiungevano la superficie di
67 chilometri quadrati, scesa nel 2013 a 32. E se la perdita media annua di
superficie era stata dello 0,82% dal 1958 al 1987, è salita all'1,47% dal 1987
al 2003 e all'1,79% da qui al 2013.
Non è un caso, dunque, se al 19° «Alpine
glaciology meeting» che si tiene oggie domani a Milano con gli esperti di tutta Europa,
la relazione della Provincia di Trento sulla situazione glaciale porti il titolo
«Un comportamento monsonico nei ghiacciai trentini».
«L'associazione di idee
con il comportamento monsonico - ci spiega il direttore di Meteotrentino Alberto
Trenti - emerge dai dati di scioglimento estivi del ghiaccio del Mandron,
equivalenti a 4.050 millimetri di pioggia. È solo il ghiaccio che si scioglie
nel periodo estivo; agiungendovi neve e pioggia arriviamo a 5.500
millimetri».
Trenti porta oggi la sua relazione, all'università di Milano, al
più importante appuntamento internazionale di glaciologia alpina. La relazione
di «Meteotrentino», frutto della collaborazione con il Muse e la Sat, nasce dai
dati dell'ultimo mezzo secolo, ma anche da un lavoro di verifica dei dati
storici (studiando le morene e le altre tracce lasciate dal glacialismo) per
determinare con la maggiore precisione possibile le zone di massima espansione
della «Piccola età glaciale», che raggiunse il suo picco intorno al 1850 sulle
Alpi. Secondo i glaciologi, fu il momento di maggiore espansione dopo l'ultima
glaciazione, quella di Würm, che fra 20 e 15.000 anni fa ricoprì di ghiaccio la
valle dell'Adige fino a 1800 metri di altezza.
Si stima che a metà Ottocento,
un riferimento collegabile alla nostra esistenza, i 150 ghiacciai trentini
coprissero la superficie di circa 110 chilometri quadrati. Dopo un secolo (dati
del Catasto dei ghiacciai italiani del Comitato glaciologico italiano, 1958) i
ghiacciai erano 115, e la superficie di 67 km quadri (-38%). In cento anni la
riduzione media annua è stata dello 0,36%.
Nel 1987 ecco i dati del Comitato
glaciologico della Sat a mostrare la frammentazione dei ghiacciai, il cui numero
sale a 136, ma la cui superficie scende a 51 km quadri. Nel 2003 sono i dati
della Provincia a mostrare l'accelerazione del ritiro glaciale: si contano 134
ghiacciai, ma la loro estensione totale è scesa a 39 chilometri quadrati. «Dal
2003 al 2013 - spiega Alberto Trenti - il fenomeno è stato galoppante, la
superficie dei 138 ghiacciai (il numero aumenta a causa della frammentazione) è
scesa a 32 chilometri quadrati e la sua perdita è dell'1,79%
annuo».
Significativi i valori massimi di perdita, in metri di spessore,
in 10 anni. Nella zona frontale del ghiacciaio del Mandron (Adamello) a quota
2.570 si perdono 4 metri all'anno, arrivando fino a 45 metri in 10 anni con una
media di 33,5. Si sono persi in media 14 metri in 10 anni sul ghiacciaio della
Lobbia (Adamello), 10 metri sulla Fradusta (Pale di San Martino) e 5 sulla
Marmolada, 12 sul ghiacciaio d'Agola (Brenta), 8 su quello della
Presanella.
«Ogni anno - riassume Trenti - si
perdono 35 milioni di metri cubi d'acqua, che sono una riserva idrica
importante».
Durante il meeting, oggi, verrà presentato il nuovo Catasto dei ghiacciai
italiani, un volume a cura di Claudio Smiraglia e Guglielmina Diolaiuti , edito
da EvK2Cnr. In programma anche una sintesi dei lavori e una tavola rotonda con
Luca Mercalli , presidente della Società meteorologica italiana, ricercatore e
divulgatore. Domani è prevista una sessione dedicata ai
ghiacciai extraeuropei (Himalaya, Karakorum, Ande e Antardtide).

https://www.ladige.it/popular/ambiente/2015/05/07/ghiacciai-dimezzati-cinquantanni-trentino-perdita-annua-dell179
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Ven Mag 08, 2015 7:04 pm

Finalmente on-line il nuovo catasto dei ghiacciai italiani!

https://drive.google.com/file/d/0B9HmR0_kOHEPVWFDck9IU1N2RVE/view?pli=1


Gran bel lavoro!
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Giu 03, 2015 9:05 pm

Ad_adri ha scritto:Sono pessimista anche io , stranamente  in questi primi mesi del 2015 sono diminuite le precipitazioni in genere, dopo un anno nel quale si è sfiorato il record storico di piovosità ( Musi a quasi 6000 mm)
Brutte notizie in ottica conservazione del manto nei prossimi giorni...

Ti dedico però questa Adriano Cool



ciao! cià
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  Ad_adri il Gio Giu 04, 2015 9:08 am

alessandro ha scritto:
Ad_adri ha scritto:Sono pessimista anche io , stranamente  in questi primi mesi del 2015 sono diminuite le precipitazioni in genere, dopo un anno nel quale si è sfiorato il record storico di piovosità ( Musi a quasi 6000 mm)
Brutte notizie in ottica conservazione del manto nei prossimi giorni...

Ti dedico però questa Adriano Cool



ciao!  cià
Canin, sotto il rif Gilberti....

Sarà degli anni cinquanta Rolling Eyes
avatar
Ad_adri

Messaggi : 1420
Data d'iscrizione : 21.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  Topocane il Gio Giu 04, 2015 10:10 am

che smàrszonata pauuura  

...avete sistemato un po', adesso?!? 

___________________________
ogni bambino è un principe della luce che poi con l’educazione diventa una sorta di cretino
avatar
Topocane

Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Gio Giu 04, 2015 10:14 am

Sì, ci hanno costruito una camionabile sul ghiaione, vedi qua... asd asd Rolling Eyes

Adri, la foto è degli anni '20 del secolo scorso, ciao Wink
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Gio Lug 02, 2015 10:16 am

Ondata veramente molto pesante...



e siamo solo all'inizio Rolling Eyes
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mar Lug 14, 2015 3:40 pm

alessandro ha scritto:In Prevala (nivometro del Livinal Lunc) appena 151 cm di neve (l'anno scorso penso si viaggiasse in questo periodo sopra i 5 metri).



Sarà un anno interessante, perchè dopo le precipitazioni record del 2013/14 è resistito per tutta l'estate un consistente accumulo di nevato... a fine stagione ablativa 2015 vedremo se sarà stato intaccato o meno il firn dell'anno precedente, o nella peggiore delle ipotesi se sparirà di nuovo tutto (il glacionevato del Prevala non è perenne), a dimostrazione (in quest'ultimo caso) che sono le T° estive a determinare il ritiro generalizzato dei ghiacciai più che la quantità di precipitazioni (che anzi, in alcuni anni recenti sono state addirittura record).

Personalmente, sono abbastanza pessimista per l'estate 2015 (ma spero di sbagliarmi mrgreen mrgreen ). ciao!




avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Lun Lug 20, 2015 12:00 pm

Fronte che si scopre anche in Marmolada...



avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Lug 29, 2015 11:54 am

Ho trovato un link interessante sulla Fradusta (c'è anche un pdf da scaricare ben fatto).

http://www.parcopan.org/it/territorio/ghiacciai-p159.html


cià
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Lug 29, 2015 12:01 pm

Annata disastrosa come c'era da aspettarselo, non solo in Dolomiti ma in tutto l'arco alpino orientale... un occhio a queste web sui ghiacciai dello Stubai è desolante (e siamo solo a fine luglio)

http://www.stubaier-gletscher.com/it/stubai-live/webcams/?tx_ttnews%5Btt_news%5D=

Scorrete la galleria fotografica in basso Crying or Very sad Crying or Very sad
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  giangi4 il Mer Lug 29, 2015 1:20 pm

[quote="alessandro"] Fronte che si scopre anche in Marmolada... [/quote]

bene, così c'è meno ghiaccio e neve da calpestare per arrivare in cima! :-)
avatar
giangi4

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 30.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Lug 29, 2015 1:35 pm

Tralasciando per un attimo il discorso ambientale (perchè c'è connessione tra quello che si vede sui ghiacciai oggi e i 40°C in pianura la settimana scorsa), la perdita di queste masse glaciali sulle Alpi è anche per me una questione puramente estetica: versanti deglacializzati (che si tratti di Marmolada, Bernina o Grivola) personalmente li trovo brutti e meno affascinanti di quello che potevano essere 15 o 30 anni fa Wink

http://www.ghiacciaidiunavolta.it/RISULTATI/06_trentino/06_risultati_trentino.asp?sa=X&ved=0CDwQ9QEwEzg8ahUKEwjIvPyYoIDHAhUEkg0KHVWuDQs
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  giangi4 il Mer Lug 29, 2015 1:42 pm

[quote="alessandro"]Ghiacciaio del Giazzer (Civetta).

[url=http://www.servimg.com/view/19111931/48][img]http://i19.servimg.com/u/f19/19/11/19/31/img53910.jpg[/img][/url]

[url=http://www.servimg.com/view/19111931/49][img]http://i19.servimg.com/u/f19/19/11/19/31/img53911.jpg[/img][/url]


Le ho trovate sul forum "vie ferrate"... bellissime catture! ;)

Tra l'altro non riesco mai ad inquadrare quanto sia ripido l'avvicinamento al biv. Tomè (serve la corda?). E quanto mi piacerebbe poi proseguire verso la Piccola Civetta... se qualcuno fosse interessato :D :D :D
[/quote]

fino al tomè non serve corda...oltre posso fare sicura ;-)
avatar
giangi4

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 30.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Mer Lug 29, 2015 1:46 pm

giangi4 ha scritto:

fino al tomè non serve corda...oltre posso fare sicura ;-)
Mettiamo nella lista delle cose da fare... Wink ciao Very Happy
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  Topocane il Mer Lug 29, 2015 2:37 pm

l'altro gg guardavo un docu sulla tele svizza e ciera un libraio, molto noto fra gli amanti dei libri di montagna, Recalcati , che discorrendo su non mi ricordo più cosa è uscito con un libro di Leonardo da Vinci, dove citava una osservazione del genio sull gruppo del monte rosa, ed osservava come, ai tempi del Leonardo (450/500 anni fa) i gruppi montuosi di cui parlava fossero ABBONDANTEMENTE ricoperti di vegetazione fin a quote e latitudini ove ora c'è (ancora...) ghiaccio. Smile 
questa cosa mi ha fatto un po' sorridere pensando al servizio passato poco prima al tg, dove raccontavano di due agenti di polizia mandati oltre i 3000 m. sul Bianco a *cercare di dissuadere* gli alpinisti intenti alla salita alla vetta, in questi giorni di continua calura e zerotermico alle stelle  Crying or Very sad

corsi e ricorsi  Very Happy

___________________________
ogni bambino è un principe della luce che poi con l’educazione diventa una sorta di cretino
avatar
Topocane

Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  giangi4 il Gio Lug 30, 2015 8:05 am

GHIACCIAIO DEI CANTONI
purtroppo non ho una foto completa





avatar
giangi4

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 30.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  giangi4 il Gio Lug 30, 2015 8:17 am

TRAVIGNOLO
(foto di 10 giorni fa circa)

avatar
giangi4

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 30.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Gio Lug 30, 2015 9:49 am

Belle giangi applauso applauso applauso

te le rubo! Very Happy
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  alessandro il Gio Set 03, 2015 11:44 am

Topocane ha scritto:l'altro gg guardavo un docu sulla tele svizza e ciera un libraio, molto noto fra gli amanti dei libri di montagna, Recalcati , che discorrendo su non mi ricordo più cosa è uscito con un libro di Leonardo da Vinci, dove citava una osservazione del genio sull gruppo del monte rosa, ed osservava come, ai tempi del Leonardo (450/500 anni fa) i gruppi montuosi di cui parlava fossero ABBONDANTEMENTE ricoperti di vegetazione fin a quote e latitudini ove ora c'è (ancora...) ghiaccio. Smile 
questa cosa mi ha fatto un po' sorridere pensando al servizio passato poco prima al tg, dove raccontavano di due agenti di polizia mandati oltre i 3000 m. sul Bianco a *cercare di dissuadere* gli alpinisti intenti alla salita alla vetta, in questi giorni di continua calura e zerotermico alle stelle  Crying or Very sad

corsi e ricorsi  Very Happy
Attualmente più di uno studio sostiene che le temperature odierne siano già più alte anche dell'optimum climatico medievale. Discorso ghiacciai, questi mutano con una inerzia temporale molto sostenuta, quindi è probabile che attualmente siano ancora più estesi rispetto 600/700 anni fa., soprattutto quelli più grandi delle Alpi.. ma un altro paio di decenni così e...  Rolling Eyes  Rolling Eyes

Vedi qua infatti, riferito ai nostri di NE: siamo già a livello del medioevo (fonte l'Adige di qualche giorno fa)



Siamo allo stesso livello del Medioevo: per quanto riguarda l'estensione dei ghiacciai, la situazione di 600-700 anni fa è comparabile con quella dei nostri giorni. La differenza sostanziale - ed è ciò che crea allarme in una parte della comunità scientifica - è il trend di arretramento: mai così veloce, con 11 metri «persi» ogni anno. «I ghiacciai sono una risorsa idrica e, facendo un paragone con i bacini d'acqua, possiamo dire che oggi in Trentino c'è una superficie glacializzata di 32 chilometri quadrati, pari a 10 volte il lago di Molveno - spiega Christian Casarotto, mediatore culturale dell'area geologia del Muse e glaciologo del Comitato glaciologico Trentino della Sat - Ogni anno, con l'arretramento dei ghiacci, perdiamo una superficie glacializzata di 70 ettari, pari al lago di Toblino».
Con un «fantacalcolo» possiamo ipotizzare che tra due generazioni non si saprà neppure cosa sia la neve perenne. «In circa 50 anni la superficie del Trentino coperta dai ghiacci potrebbe sparire completamente - aggiunge Casarotto - ma il clima è qualcosa di complesso, tanti fattori interagiscono portando estati calde e inverni più o meno nevosi. E non possiamo pensare che la temperatura possa continuare ad aumentare: è una legge delle termodinamica, il caldo si fermerà. Dunque non è possibile allungare una linea retta sul grafico: questa lunga latenza dei ghiacciai andrà ben oltre i 50 anni».
Il mondo, dunque, non sarebbe destinato a «sciogliersi». In attesa di un arresto del riscaldamento globale, l'arretramento della superficie dei ghiacciai continua, mai così veloce da 150 anni ad oggi. «L'ultimo momento in cui abbiamo visto i ghiacciai avanzare, di recente, erano gli anni Ottanta. Avanzavano di una dozzina di metri l'anno nel periodo inizio anni Settanta fino al 1986-87, in Trentino ma anche nel resto dell'arco alpino. Dal 1990 al 2013, invece, dunque negli ultimi 20-25 anni, l'arretramento frontale medio è stato di 11 metri - spiega - mediamente dagli anni Novanta ad oggi spariscono 11 metri di ghiacciaio ogni anno. Ciò che non torna è il trend con cui questo arretramento si verifica, ossia la velocità di scomparsa del ghiacciaio. Si verificano inoltre sbalzi, episodi estremi come abbiamo registrato quest'anno. Durante l'inverno abbiamo avuto scarse precipitazioni nevose: sui nostri ghiacciai, si sono accumulati dai 4 metri e mezzo del ghiaccio de la Mare nel gruppo del Cevedale ai 2 metri e 20 registrati sul ghiacciaio del Careser. Un accumulo molto scarso, a cui sono seguite temperature estive decisamente alte. Questi estremismi hanno fatto saltare un equilibrio, perché il venire di periodi freddi e poi di nuovo caldi è un processo naturale. Questa ciclicità è andata a saltare probabilmente nel momento in cui vi è stata una forte emissione di gas effetto serra dalla rivoluzione industriale ad oggi e che sta ancora continuando. La comunità scientifica è d'accordo su questo: vi è un'impronta antropica che è andata ad alterare i normali cicli. La fase fredda tornerà, ma non sappiamo quando».
L'uomo non può governare la natura, ma vivere in modo ecosostenibile sì. Non solo in Trentino, dato che il problema è globale. «Dobbiamo essere consapevoli della situazione, mettere sul tavolo tutte le carte, analizzare i numeri e verificare che siano corretti - evidenzia il glaciologo - Si cerca di capire cosa sta succedendo e si cerca di intervenire. Due sono i modi: con lo spirito di adattamento, ossia adeguarsi alle scarse nevicate invernali ed alle temperature estiva calde, e con la mitigazione, ossia la riduzione dei gas ad effetto serra, con politiche relative ai trasporti ed alle industrie. E qui subentra un discorso economico».
Come si dice, se il battito d'ali di una farfalla in America può provocare un uragano in Asia, dobbiamo augurarci che a Delhi gli abitanti comincino a spostarsi tutti in bici e che a Canton le fabbriche diventino green : i benefici si sentiranno anche sull'Adamello
avatar
alessandro

Messaggi : 1038
Data d'iscrizione : 04.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: I ghiacciai delle Dolomiti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 10 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum