Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Mar Nov 27, 2012 4:41 pm

Mi ricordavo di aver scritto qualche cosa di una gita solitaria primaverile attraverso la Sella del Turlon; finalmente ho ritrovato quello che avevo scritto. Era una giornata calda, forse la prima giornata quasi estiva. Era il 14 maggio 2006: solo 6 anni sono passati ma è un'eternità per quello che ho vissuto dopo legato alla montagna e non solo.
Dieci giorni fa ho ripercorso quel sentiero, a caccia di magnifici punti ovviamente asd , in discesa e nulla è cambiato se non la vegetazione che lentamente lo sta invadendo.

Da un po’ di tempo mi incuriosiva percorrere il sentiero che dalla Val Settimana si arrampica verso le Pale Candele e la Sella del Turlon per poi scendere sull’altro versante fino alla Casera Bregolina Piccola. Una vecchia edizione (purtroppo senza data) della cartina Tabacco lo indicava come un sentiero segnato, col suo bel numero e i suoi puntini rossi. Poi però nella nuova edizione (del 2001) della stessa cartina questo sentiero sparisce. Stessa sorte tocca al sentiero che dalla Val Cimoliana risale la Val Pezzeda verso le Bregoline e al sentiero che dalla Casera Pramaggiore sale all’omonimo passo a da lì scende in Val Postegae: qui c’è anche un cartello, ormai quasi illeggibile, che avvisa che il sentiero è “dismesso”.

Lascio la macchina alle Stai de Nuci, in Val Settimana, con la convinzione di dover affrontare una salita un po’ alla cieca, a caccia di tracce di passaggi e scoloriti segni rossi. E in effetti alla partenza nessuna indicazione ci segnala questo sentiero. Bastano pochi metri, il tempo di percorrere i primi passi nel bosco subito dopo la stalla, e appaiono i primi segni bianchi e rossi: prima uno, poi due… poi alzando gli occhi mi accorgo che il sentiero è ben visibile e segnalato, con patacche rosse su ogni albero. Quasi un’esagerazione!

Col de Vitor, Ciol Bevador, Costa Pale Candele, la Sella del Turlon e poi giù verso le Saline, la Costa del Fabbro e i ruderi della Casera del Fabbro. Nomi sconosciuti, affascinanti. Nomi dei quali si è perso il loro significato. Sentieri percorsi fino a qualche decennio fa da pastori, cacciatori, taglialegna per i quali invece quei nomi avevano un senso.

Mezzo metro di neve ricopre ancora il luogo dove sorgeva la Casera del Fabbro, non si percepisce neanche il perimetro di quello che una volta era un luogo di vita. Questa zona era sicuramente ben frequentata: oltre alla Casera del Fabbro ci sono le due (ristrutturate) Bregoline e i ruderi di Casera della Stua; dalla Val Pezzeda saliva anche una teleferica. Risalendo quella valle se ne trovano ancora delle tracce. Luoghi selvaggi, siamo troppo distanti nel tempo e nei modi per riuscire a pensare che in questi luoghi si viveva. O si sopravviveva.

Di tutto ci si può immaginare, ma difficilmente che qui ci fossero delle fucine. Eppure la Casera, così come la Costa o la Contrada del Fabbro, poco distanti da qui, portano questo nome per un motivo che purtroppo non conosco. Ma che mi piacerebbe conoscere.

Proseguo il cammino e in breve sono alla Bregolina Piccola. Anche su questo versante, immettendomi sul sentiero delle Bregoline, nessuna indicazione per il sentiero che ho appena percorso. Ha un che di enigmatico questo stupendo itinerario, perfettamente percorribile e segnalato lungo tutto il percorso, ma che ai suoi capi tende a sparire. Quasi a manifestare una volontà di mantenere l’accesso a questi luoghi riservato ai pochi che abbiano voglia di scoprirli, di viverli.

Scendo in Val Settimana e ne percorro un bel tratto per tornare alle Stai de Nuci. Poco oltre la Casera Settefontane la strada è interrotta, l’ennesima frana. Più o meno ogni anno questa strada subisce le conseguenze di forti rovesci. Eppure ogni anno, con ostinazione, ruspe e operai la riaprono, la rendono di nuovo transitabile. Ben sapendo che il prossimo anno dovranno ricominciare tutto pochi metri più in là.


___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  norman il Mar Nov 27, 2012 5:51 pm

Ricordo bene quella relazione. Così evocativa, invogliava proprio ad andarci.
Poi l'anno scorso ci sono stato alla Sella, complice un passaggio magari più prosaico ma tranquillizzante
Bastano pochi metri, il tempo di percorrere i primi passi nel bosco
subito dopo la stalla, e appaiono i primi segni bianchi e rossi: prima
uno, poi due… poi alzando gli occhi mi accorgo che il sentiero è ben
visibile e segnalato, con patacche rosse su ogni albero. Quasi
un’esagerazione!

norman

Messaggi : 44
Data d'iscrizione : 01.06.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  kala il Mar Nov 27, 2012 10:17 pm

AndreaVe ha scritto:Da un po’ di tempo mi incuriosiva percorrere il sentiero che dalla Val Settimana si arrampica verso le Pale Candele e la Sella del Turlon per poi scendere sull’altro versante fino alla Casera Bregolina Piccola. Una vecchia edizione (purtroppo senza data) della cartina Tabacco lo indicava come un sentiero segnato, col suo bel numero e i suoi puntini rossi. Poi però nella nuova edizione (del 2001) della stessa cartina questo sentiero sparisce. Stessa sorte tocca al sentiero che dalla Val Cimoliana risale la Val Pezzeda verso le Bregoline e al sentiero che dalla Casera Pramaggiore sale all’omonimo passo a da lì scende in Val Postegae: qui c’è anche un cartello, ormai quasi illeggibile, che avvisa che il sentiero è “dismesso”.

La mia edizione del 2006 la riporta in neretto, immagino anche l'ultima edizione del 2011 ma non l'ho vista. Ho una Tabacco datata a mano 1990 che la riporta con puntini rossi continui e il segnavia 385, mentre un'altra Tabacco probabilmente a metà strada tra questa e la tua del 2001 la riporta già a pallini rossi discontinui. Una IGM del 1962 riporta ben tracciati tutti i sentieri della zona Bregoline ma non riesco a vedere la discesa in Val Settimana (mi manca il quadro "Claut").

Ma insomma, queste tracce un po' effimere affascinano.
avatar
kala

Messaggi : 1657
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Mer Nov 28, 2012 5:05 pm

Hai le gambe buone, Kala.

Vai che merita Wink

Occhio solo che se lo fai in discesa i bolli sono quasi tutti orientati per chi sale. Un paio di volte abbiamo cannato scendendo.

___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Mer Nov 28, 2012 5:10 pm

Ah, c'è una variante che da 1500 circa traversa sotto le Pale Candele e precipita poi su casera Settefontane.
Per errore l'abbiamo imboccato, la traccia tra i mughi è molto evidente - almeno all'inizio, in alto - ma la vegetazione ha invaso molto.

___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  kala il Mer Nov 28, 2012 5:25 pm

AndreaVe ha scritto:Hai le gambe buone, Kala.

Vai che merita Wink

Occhio solo che se lo fai in discesa i bolli sono quasi tutti orientati per chi sale. Un paio di volte abbiamo cannato scendendo.

Mi piacerebbe percorrerlo in salita: non tanto per le difficoltà (ma tengo conto anche di quelle (anche se mi sembra di ricordare un passaggio su cengia inclinata in contropendenza)) quanto per mio personalissimo modo di sentire. Per me la salita, l'andata, coincide con la scoperta, l'esplorazione; il ritorno con la cessazione delle difficoltà almeno psicologiche. Il che poi spesso non è vero visto che per massimizzare i luoghi visitati scelgo quasi sempre percorsi ad anello e spesso e volentieri non ho mai percorso neanche il sentiero di discesa... Ma Val Pezzeda in salita e questo in discesa potrebbe esser esagerato; tanto più che mi manca pure il ritorno dalla Bregolina Piccola per la Pramaggiore.

Ah, m'è poi tornato in mente come venni a conoscenza di questo itinerario: m'incuriosì una descrizione che riportava proprio questo discorso del sentiero "fantasma" coi bolli che iniziavano ad un tratto solo una volta avviati. Penso fosse sul sito del Cal.

Il Cal stesso m'ha ulteriormente stuzzicato con un'altra quasi in zona dove si trova uno spezzone di corda che agevola un passaggio, ma la corda penzola a tre metri da terra... asd
avatar
kala

Messaggi : 1657
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  damasco il Mer Dic 05, 2012 6:32 pm

AndreaVe ha scritto:Dieci giorni fa ho ripercorso quel sentiero, a caccia di magnifici punti ovviamente , in discesa e nulla è cambiato se non la vegetazione che lentamente lo sta invadendo.

Ciao. Da dove eravate partiti per salire alla sella?
avatar
damasco

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 12.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Mer Dic 05, 2012 7:54 pm

Siamo saliti dalla Bregolina e scesi in Val Settimana.

Ciao

___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  LucaVi il Mer Dic 05, 2012 11:05 pm

Intendeva dirti che sono saliti sempre dalla Val Settimana per la Forcella Doff alla Casera Bregolina Piccola...
avatar
LucaVi

Messaggi : 3600
Data d'iscrizione : 11.03.12
Località : Cimolais

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Mer Dic 05, 2012 11:09 pm

LucaVi ha scritto:Intendeva dirti che sono saliti sempre dalla Val Settimana per la Forcella Doff alla Casera Bregolina Piccola...
Era per stimolare la domanda successiva. Hai rovinato tutto Twisted Evil





mrgreen

___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  LucaVi il Mer Dic 05, 2012 11:11 pm

specch
avatar
LucaVi

Messaggi : 3600
Data d'iscrizione : 11.03.12
Località : Cimolais

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  kala il Mer Dic 05, 2012 11:38 pm

Ed alla Bregolina come sei arrivato?

(E' bello porre domande per le risposte già date)

avatar
kala

Messaggi : 1657
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  damasco il Ven Dic 07, 2012 6:37 pm

AndreaVe ha scritto:Siamo saliti dalla Bregolina e scesi in Val Settimana. Ciao

Io sono stato su il giorno prima. Verso contrario al tuo; avrai notato qualche pesta. L'idea era di ridiscendere per la salita fatta, ma l'ho reputato pericoloso, sono pauroso di natura. Quindi ho allungato per la bregolina, trovandomi un pochetto in affanno nel rintracciare quel sentiero traversante e direi piuttosto dimenticato vista la presenza di numerosi alberi caduti. Ciao
avatar
damasco

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 12.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  AndreaVe il Ven Dic 07, 2012 10:13 pm

Peste non ne abbiamo viste anche perchè salendo alla Sella dalla Bregolina dove c'era neve ci siamo tenuti un po' troppo a destra tanto da sbucare lungo la cresta verso il Turlon.

In effetti scendendo ti rendi conto della verticalità di quel pendio....

___________________________
crediamoci! [cit.]
avatar
AndreaVe

Messaggi : 3250
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Casera del Fabbro e Sella del Turlon

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum