Omaggio alla Valle del Mis

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

050412

Messaggio 

Omaggio alla Valle del Mis




Esistono da noi valli che non ho mai visto da nessun'altra parte.




Identiche ai paesaggi di certe vecchie stampe del romanticismo che a
vederle si pensava: ma è tutto falso, posti come questi non esistono.






Invece esistono: con la stessa solitudine, gli stessi inverosimili
dirupi mezzo nascosti da alberi e cespugli pencolanti sull'abisso......





.....La valle del Mis, per esempio, con le sue vallette laterali che si
addentrano in un intrico di monti selvaggi e senza gloria,








dove si e no
passa un pazzo ogni trecento anni, non allegre, se volete, alquanto
arcigne forse, e cupe.






Eppure commoventi per le storie che raccontano,





per l'aria d'altri secoli,






per la solitudine paragonabile a quella dei
deserti




Dino Buzzati
avatar
paoloC

Messaggi : 701
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 35
Località : Segusino

http://www.paollocolombera.it

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Omaggio alla Valle del Mis :: Commenti

Messaggio il Gio Apr 05, 2012 5:10 pm  Ospite

cheers cheers cheers

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Gio Apr 05, 2012 9:37 pm  buzz

La Valle del Mis.
Era il posto preferito di mio zio. Quando ero bambino ci portava su quelle rive dirupate. Mi pareva un posto pieno di mistero. L'andarci era entrare in un aura di mistero.
Colpa delle cose che mi raccontava e a cui io credevo fermamente.
Una notte di natale gesù nelle vesti di un pellegrino aveva bussato alle porte del paese. Nessuno gli aveva aperto, nessuno gli aveva offerto un pezzo di pane, o di scaldarsi accanto alla stufa. E così tutta la cima della montagna, distante, si era staccata e lo aveva schiacciato sotto gli enormi massi.
Io guardavo la montagna a destra, e poi i grandi massi, a sinistra. E in mezzo niente.
E certo doveva essere stata una forza immensa e terribile quella che aveva spostato la montagna di notte facendola volare per tutto sopra i tetti delle case, silenziosamente, e poi ricoprire le case dei cattivi, colpevoli.
Passavamo con la macchina lì vicino e io stavo in religioso silenzio. Pensando a quella gente ancora lì sotto quelle enormi pietre.
Ma mio zio diceva un sacco di boiate. Chissà se questa storia la conosco solo io o è una leggenda vera, del posto.
Pescava nelle acque torbide del lago del Mis con esche cosparse di unguenti miracolosi che comprava su certe riviste. Non mi ricordo che abbiano mai funzionato. Ma la sua fede nelle risorse che gli avrebbero assicurato la superiorità sugli altri pescatori era incrollabile. Se gli altri pescavano e lui era solo per un immenso vergognoso indicibile culo. Che contrastava malvagiamente la sua indiscutibile bravura.

Mi piaceva il lago, con quell'acqua verde chiaro. Ma le rive fangose no. E non mi facevano fare il bagno. Guardavo mio zio pescare. Oppure quando c'era anche mio padre andavamo su, nei pascoli e una volta le mucche mi mangiarono le scarpe, che avevo lasciato fuori della macchina, dove ci eravamo riparati di corsa perché pioveva.

E poi, le discussioni a casa: che se succedeva come al Vajont... Che l'acqua sarebbe venuta giù per il Cordevole e ci avrebbe portato via. E i segni sui muri della casa, quella casa che ora non c'è più, dell'acqua che a volte c'era arrivata, portandole via la terra da sotto le prime pietre. Cercavo di immaginarmi il Cordevole così largo, fino a Bribano. La diga del Mis, l'acqua che viene giù e arriva ruggendo sulla casa. Mi addormentavo a volte spiando il rumore del fiume, per coglierne le variazioni, se mi sembrava che aumentasse il cuore mi arrivava in gola, il respiro si fermava, per ascoltare.

Quando a 19 anni tornai per la prima volta dove ero stato ragazzino, con una macchina rimediata, due soldi in tasca e gli amici, li portai in tenda proprio lì, nella valle del Mis. E quando mi sposai e andammo a fare un giro dalle mie parti portai mia moglie alla cascata.
E poi qualche anno fa, quando mi ubriacai a Pedavena andai a smaltire la sbornia lì, la mattina dopo. Ma anche fare il bagno nell'acqua bella fredda non servì a farmi riprendere.

E da quel momento non ci sono più stato.
Mai fatta una cascata, lì. Mi sarebbe piaciuto però.

Ultima modifica di Buzz il Ven Apr 06, 2012 8:28 am, modificato 1 volta

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Apr 05, 2012 9:46 pm  espo

figataaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Gio Apr 05, 2012 9:47 pm  Ospite

uno spettacolo.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 8:15 am  virgy

ci voglio andare!!!!!!

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 8:50 am  Ospite

proprio un bell'omaggio... anche nel ricordo di Buzz Very Happy

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 9:32 am  Adriano

Bravo paolo , le tue foto raccontano una storia ...........e buzz la ha trasformate in parole. Very Happy

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 10:06 am  kala

Buzz ha scritto:Una notte di natale gesù nelle vesti di un pellegrino aveva bussato alle porte del paese. Nessuno gli aveva aperto, nessuno gli aveva offerto un pezzo di pane, o di scaldarsi accanto alla stufa. E così tutta la cima della montagna, distante, si era staccata e lo aveva schiacciato sotto gli enormi massi.
Io guardavo la montagna a destra, e poi i grandi massi, a sinistra. E in mezzo niente.
E certo doveva essere stata una forza immensa e terribile quella che aveva spostato la montagna di notte facendola volare per tutto sopra i tetti delle case, silenziosamente, e poi ricoprire le case dei cattivi, colpevoli.
Passavamo con la macchina lì vicino e io stavo in religioso silenzio. Pensando a quella gente ancora lì sotto quelle enormi pietre.
Ma mio zio diceva un sacco di boiate. Chissà se questa storia la conosco solo io o è una leggenda vera, del posto.

La leggenda - non ricordo più dove l'ho letta io - mi sembra parlasse di Gesù e San Pietro. Il monte è il Perón (un nome un programma), che s'erge in sinistra orografica come sentinella all'ingresso della Val Cordevole. I massi sono quelli - appunti - delle Masiere, in località Mas (ma va'!), frequentati da un tal Tissi nei tempi che furono e da più loschi e inutili personaggi più di recente.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 10:08 am  buzz

Ah quindi la leggenda non se l'era inventata quel gran chiacchierone di mio zio... Very Happy
(i toponimi, sì... sono quelli, ma chi se li ricordava...)

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 10:15 am  tocci

Ci vado sempre, ogni anno almeno una gita li si fa, partiamo da casa a cence, aggiriamo i monti del sole, prima su alla California, dove ci fermiamo al fiume a fare anche il bagno, poi a scendere verso il lago, con tappa fissa ai cadini, dove la figlia grande fa di nuovo il bagno, anche se è vietato (ma lo fanno tutti). Peccato per le zecche, che ormai rendono quei luoghi vietati a chi come noi ha le bambine. Ma in fondo penso che per quei monti e quei boschi sia giusto così, rimanere selvaggi e misteriosi come sono.
Non tutte le Dolomiti devono diventare come la Val di Fanis.

E naturalmente qualche anno fa iun pieno dicembre io e fra andammo a scalare anche alle Masiere...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 2:48 pm  paoloC

Per quanto riguarda i luoghi....

la prima ritrae lo sbocco della val del Mis verso la val Belluna visto dalla Roa Bianca

la seconda è un controluce sul Pizzocco dalla cima del Mont Alt

la terza un larice poco sotto la sommità delle Stornade

la quarta è la Gusela della val del Burt, una laterale della valle del Mis

la quinta sono i Feruch al tramonto dal Zimon di Gena

la sesta è Gena Alta dalla Croda Bianca

la settima è lo sbocco della val Soffia nel lago del Mis

infine l'ottava sono i Monti del Sole al tramonto visti dalla cima del Sass (o cima delle Masiere), dalle parti del Piz di Mezzodì

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 2:50 pm  grip

quanti pic-nic in val del mis lungo il laghetto....quante limonate con la morosa...bei tempi

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:02 pm  yo

wow!
Posto notevole...e c'è pure il Larice (di LucaVi)

Ultima modifica di yo il Ven Apr 06, 2012 3:07 pm, modificato 1 volta

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:07 pm  grip

si lo so...pure la mia morosa dopo 10 minuti di limone duro diceva cosi'!!

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:10 pm  yo

Diceva pure che le foto sono spettacolari?

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:12 pm  paoloC

Non ho capito... Embarassed ..la morosa del Grip, dopo 10 minuti....s'accorgeva del Larice di LucaVi?


ciao Grippolo e grazie in particolare a Buzz per il contributo Wink

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:19 pm  grip

yo ha scritto:Diceva pure che le foto sono spettacolari?

soprattutto

ciao Paolino...me hai fatto venir voglia di tornare in valle....

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 06, 2012 3:20 pm  grip

paoloC ha scritto:Non ho capito... Embarassed ..la morosa del Grip, dopo 10 minuti....s'accorgeva del Larice di LucaVi?


ciao Grippolo e grazie in particolare a Buzz per il contributo Wink

nono se accorgeva del me baston de cornoer!! elephant

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Ven Apr 13, 2012 10:08 pm  Fabius

Molto belle, traspare una grande passione per questi posti stupendi !
Mi fai venire voglia di fare un giro da quelle parti.
Fabio

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum