Le riviste di settore

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Zio Vare il Gio Mar 15, 2012 2:38 pm

Tengri ha scritto:
Curiose le coincidenze della vita ... non ti conosco di persona ma:

fino a pochi anni fa facevo apnea in maniera sistematica. prima pesca poi fotiografie. Fin da ragazzino nei fondali oggi minacciati dalla pancia della COncordia, poi in giro per il mondo dove i pochi soldi riusciavao a portarmi.

intorno all'Ausangate stavo per andarci. COn la mia ragazza. Tutto autorganizzato una volta lì. Con i muli fino in quota e poi a piedi cogli zaini carichi per 8-9 giorni. Una idea grandiosa ... naufragato purtroppo fra una scagazzata e l'altra di una lunga diarrea del viaggiatore smaltita in una piccola pensione di Cuzco giocando a carte :-)
Very Happy Very Happy Very Happy
Farò molta attenzione a cosa mangio se riesco ad organizzare
Penso che apnea e montagna abbiano molte assonanze. Per il coivolgimento emotivo che riescono a dare. Anche la pescasub, per quanto sia un mediocre pescatore ha qualcosa di ancestrale.
Sono molte le persone che conosco nel gruppo che frequento e con cui mi alleno che dall'arrampicata/alpinismo sono arrivate all'apnea o viceversa, molti apneisti che hanno scoperto l'arrampicata.


... intanto stuzzicato dal topic ho ripreso in mano i primi numeri di Alp che compravo, ricordo che martellavo l'edicola perché era sempre in ritardo. E' strano come nella vita nel giro di pochi anni tutto sembra un cerchio, un continuo ritorno e le riviste un po' impolverate fanno venir voglia di riprendere gli scarponi in mano e ripulirli dal fango di cui sono pieno dopo l'ultimo giro con il cane Very Happy
avatar
Zio Vare

Messaggi : 70
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 40

http://www.http://photo.net/photos/andrea_varetto

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Gio Mar 15, 2012 11:07 pm

biemme ha scritto: + tutti i puntorosso (chi se li ricorda?),

e no, eh!
quelli sono stati l'inizio della cragna... nellmerd
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  tummu il Ven Mar 16, 2012 9:06 am

ho appena letto questa notizia, forse non c'entra molto ma solo per dire che la carta non è ancora morta (il servizio infatti è introdotto dalla famosa battuta di M.Twain "la notizia della mia morte è fortemente esagerata" Laughing ):
Ogni giorno con la carta stampata si raggiungono e si veicolano informazioni a 1,8x (non ricordo l'ordine di grandezza) di persone; ogni giorno sulla rete avvengono 1,2x connessioni...
avatar
tummu

Messaggi : 649
Data d'iscrizione : 12.03.12
Località : Cagliari

http://www.flickr.com/photos/tummu/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Mr.Orange il Ven Mar 16, 2012 11:38 am

ho comprato alp per anni, oggi manco se me lo regalassero

e non perchè non è più l'alp di una volta

il fatto è che i tempi sono cambiati: internet si sta sostituento alla carta stampata - è un dato di fatto - (l'enciclopedia britannica ha smesso di stampare in questi giorni dopo non ricordo quanti anni)

sinceramento non vedo un futuro x la carta stampata

resisteranno i libri forse Rolling Eyes alcuni giorni fa mi sono informato sui prezzi degli e-book reader Embarassed
avatar
Mr.Orange

Messaggi : 232
Data d'iscrizione : 15.03.12
Località : Tralfamadore

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Ven Mar 16, 2012 7:47 pm

Drugo Lebowsky ha scritto:
biemme ha scritto: + tutti i puntorosso (chi se li ricorda?),

e no, eh!
quelli sono stati l'inizio della cragna... nellmerd

me tocca quotà il drugo! Cool
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Ven Mar 16, 2012 7:49 pm

fabri ha scritto:
MauMau ha scritto:..... quando, già idoneo, mi fecero il colloquio e mi chiesero "senta, ma lei...cosa ne pensa delle donne?" La domanda era talmente generica che non sapevo che rispondere....

certo se già idoneo e poi tutto è dipeso da quella domanda....Rolling Eyes ...secondo me stavano cercando una scusa qualsiasi per segarti....Very Happy


dopo quella domanda mi fecero idoneo in sovrannumero...voleva dire che dovevo rifare un esame per passare. Ma la Sardegna era bella e non mi presentai mai più... Certo che avere uno stipendio oggi mi piacerebbe... No
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  fab il Ven Mar 16, 2012 9:05 pm

Volendo riprendere il discorso dal post iniziale, la crisi la vedi dai giornalai.
Sempre meno persone acquistano.
Ma come diceva buzz non è solo questione economica, quanto la facilità di accesso alle informazioni.
Troppi approfondimenti gratuiti, anche con l'ipad evito di acquistare abbonamenti a quotidiani o riviste perchè è già tutto detto o scritto.

La facilità di comunicazione consente anche molti più approcci da parte di persone che altrimenti non si sarebbero nemmeno mai cimentati a scrivere articoli o approfondimenti, vedi i blog.
Quindi per guadagnare ci si deve reinventare, il pubblico non si deve adattare alla rivista o alla modalità scelta dall'editore, perchè ha troppa scelta, è chi vende che deve riuscire tramite la pubblicità o iniziative a tirar avanti la carretta..
Ormai c'è troppo di tutto
avatar
fab

Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 16.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Sab Mar 17, 2012 7:39 am

Zio Vare ha scritto:

... intanto stuzzicato dal topic ho ripreso in mano i primi numeri di Alp che compravo, ricordo che martellavo l'edicola perché era sempre in ritardo. E' strano come nella vita nel giro di pochi anni tutto sembra un cerchio, un continuo ritorno e le riviste un po' impolverate fanno venir voglia di riprendere gli scarponi in mano e ripulirli dal fango di cui sono pieno dopo l'ultimo giro con il cane Very Happy

oggi zio non è più così, bastano due righe o anche due parole sul sito gulliver, tipo "bella gita" che si crea una catena e quella gita diventa popolare in un attimo e magari è una bea merda. Paradossalmente va bene anche la pubblicità negativa, meglio ancora la polemica come è stato in Valle dellOrco per il Diedro Atomico: un successo senza precedenti. Io lo trovo un po' triste, anche se noi prendevamo sulla rivista un imput comunque eravamo forse più autonomi e meno influenzati dalla pubblicità e dalle mode. Anche nello sci-alpinismo io ricordo di non essere mai andato a fare le gite che facevano tutti, mi piaceva e mi piace cercarmela sulla cartina, oppure andare a curiosare. Ma forse sono io che ho una particolare forma mentale, non so...
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Dom Mar 18, 2012 7:44 pm

che c'entrino concetti afferenti al consumismo? al mordi&fuggi?

no, eh?
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Dom Mar 18, 2012 11:23 pm

Drugo Lebowsky ha scritto:che c'entrino concetti afferenti al consumismo? al mordi&fuggi?

no, eh?

Drugo, mi sa che sei uno slow food... 👅
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  virgy il Lun Mar 19, 2012 7:57 am

fab ha scritto:Volendo riprendere il discorso dal post iniziale, la crisi la vedi dai giornalai.
Sempre meno persone acquistano.
Ma come diceva buzz non è solo questione economica, quanto la facilità di accesso alle informazioni.
Troppi approfondimenti gratuiti, anche con l'ipad evito di acquistare abbonamenti a quotidiani o riviste perchè è già tutto detto o scritto.

La facilità di comunicazione consente anche molti più approcci da parte di persone che altrimenti non si sarebbero nemmeno mai cimentati a scrivere articoli o approfondimenti, vedi i blog.
Quindi per guadagnare ci si deve reinventare, il pubblico non si deve adattare alla rivista o alla modalità scelta dall'editore, perchè ha troppa scelta, è chi vende che deve riuscire tramite la pubblicità o iniziative a tirar avanti la carretta..
Ormai c'è troppo di tutto

quoto fab
avatar
virgy

Messaggi : 3121
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Lun Mar 19, 2012 8:43 am

MauMau ha scritto:
Drugo Lebowsky ha scritto:che c'entrino concetti afferenti al consumismo? al mordi&fuggi?

no, eh?

Drugo, mi sa che sei uno slow food... 👅

no, ma solo perchè non mi piacciono gli atteggiamenti snob

chè, tanto per restare su cose dozzinali,
il musetto va fatto bollire gentilmente per alcune ore
l'hamburger lo cuoci in un attimo

la differenza è tutta là, eh...
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 8:52 am

io francamente pensavo che a medio termine alcuni editori avrebbero preso le contromisure fondando dei siti e creando delle redazioni web, magari costituite dai giornalisti migliori che prima lavoravano alle testate cartacee. Ma mi sbagliavo e tutto questo non è avvenuto perchè in internet di soldi ne girano talmente pochi che è impossibile per un sito pagare dei giornalisti qualificati. In più non si è ancora trovata la maniera di far pagare gli utenti per i servizi, per ora è una causa persa. Anche le ditte di settore che hanno sempre sponsorizzato le riviste (di fatto tenendole in vita) non riescono a capire che la situazione è cambiata, per cui finiscono per non aiutare nè le riviste perchè non vendono, nè i siti perchè non riescono a capire quali siano quelli che hanno più seguito nel mare magnum della rete. Il tutto si traduce in una sempre più dilagante mediocrità e pressapochismo. Ma comunque il lettore ci si abitua e alla fine gli va anche bene leggere la notizia di due righe, una volta c'era il televideo oggi c'è il sito. Quelli che dicono "ma che mi compro la rivista a fare per leggere una notizia che trovo su internet" dimostrano che (non) compravano le riviste per leggere le notizie e non si sono mai accorti di tutto il resto... allora veramente erano soldi buttati! Per cui cosa vuoi che oggi colgano la differenza tra il fatto che continuino ad esistere o scompaiano domani?
Bah, in questo quadro così pessimistico faccio fatica anche a divenire cinico o fatalista: mi verrebbe da citare il solito Guccini con l'avvelenata, ma sono indeciso tra la prima e l'ultima strofa :mrgreen:

___________________________
Vuelvo al Sur
Como se vuelve siempre al amor
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Lun Mar 19, 2012 8:57 am

propenderei per l'ultima
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 9:08 am

pensa che io ho fatto una scuola dove ho imparato a mettere tutti i caratteri di piombo uno accanto all'altro, ho imparato a leggere a rovescio e anche da sinistra a destra, a pulire le lastre col petrolio ed il cauciù, a fare le righe dritte col pennello... Poi mi son specializzato con pellicole, camera oscura, bagni e fissaggi vari. Ho fatto la tesi sul trapping, per dirti. Tutte queste cose non esistono più, non solo fan parte del passato, ma nessuno sa nemmeno che siano esistite, a momenti.
Ti rendi conto che per metà della mia vita ho fatto/studiato per una cosa che ora è completamente inutile? Va bene reinventarsi, ok io ci ho provato, ma oggi bisogna farlo di anno in anno. Se poi manco saper scrivere o disegnare serve più... allora veramente dovevo fare la guida! No
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 9:11 am

Drugo Lebowsky ha scritto:
la differenza è tutta là, eh...

tra bufalo e locomotiva, la differenza salta agli occhi... Exclamation
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Lun Mar 19, 2012 9:21 am

MauMau ha scritto:... allora veramente dovevo fare la guida! No

già
così, mal che andasse, la sfangavi tra linee vita, disgaggi e tagliare la punta ai cedri della contessa Dalla Villazza Cheviendalmare :mrgreen:
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 9:31 am

Drugo Lebowsky ha scritto:
MauMau ha scritto:... allora veramente dovevo fare la guida! No

già
così, mal che andasse, la sfangavi tra linee vita, disgaggi e tagliare la punta ai cedri della contessa Dalla Villazza Cheviendalmare :mrgreen:

disgaggi li faccio anche ora, ma aggratis. Ieri mi son spaccato la schiena con 30 kg per andare a chiodare una parete, in due ore prima che facesse buio e dopo che durante lka giuornata avevo fatto una via lunga col corso. Quando è venuto buio avevo talmente paura di farmi male sulla pietraia, dato che le gambe mi cedevano, che ho dovuto nascondere la corda ed i chiodi in un buco, per alleggerirmi. Non son più il ghepardo di un tempo No
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  fab il Lun Mar 19, 2012 9:32 am

MauMau ha scritto:io francamente pensavo che a medio termine alcuni editori avrebbero preso le contromisure fondando dei siti e creando delle redazioni web, magari costituite dai giornalisti migliori che prima lavoravano alle testate cartacee. Ma mi sbagliavo e tutto questo non è avvenuto perchè in internet di soldi ne girano talmente pochi che è impossibile per un sito pagare dei giornalisti qualificati. In più non si è ancora trovata la maniera di far pagare gli utenti per i servizi, per ora è una causa persa. Anche le ditte di settore che hanno sempre sponsorizzato le riviste (di fatto tenendole in vita) non riescono a capire che la situazione è cambiata, per cui finiscono per non aiutare nè le riviste perchè non vendono, nè i siti perchè non riescono a capire quali siano quelli che hanno più seguito nel mare magnum della rete. Il tutto si traduce in una sempre più dilagante mediocrità e pressapochismo. Ma comunque il lettore ci si abitua e alla fine gli va anche bene leggere la notizia di due righe, una volta c'era il televideo oggi c'è il sito. Quelli che dicono "ma che mi compro la rivista a fare per leggere una notizia che trovo su internet" dimostrano che (non) compravano le riviste per leggere le notizie e non si sono mai accorti di tutto il resto... allora veramente erano soldi buttati! Per cui cosa vuoi che oggi colgano la differenza tra il fatto che continuino ad esistere o scompaiano domani?
Bah, in questo quadro così pessimistico faccio fatica anche a divenire cinico o fatalista: mi verrebbe da citare il solito Guccini con l'avvelenata, ma sono indeciso tra la prima e l'ultima strofa :mrgreen:
mau mau parli di internet ma in modo errato.
Da ciò che scrivi uno dovrebbe acquistare giornali o rivista perchè li trovi i veri pezzoni, i veri approfondimenti, ma così non è.
Su internet trovi tutto, basta saperlo cercare.
Releghi i bravi giornalisti alle riviste o ai quotidiani, probabilmente intendi che su vertical quanto su alp, l'alpinista di punta ti da il pezzo, un bravo editore lo elabora, le immagini più belle, ecc.. ma senza contare che ormai quel fico avrà il suo blog e sulla rivista ti darà un riassunto di quanto c'è scritto là, magari in tempo reale, con qualche video, e qualche immagine sfuocata che ti fa entrare ancora di più in ciò che sta facendo. Il bello di Internet è che non ho necessità di pagare qualcuno per scrivere, perchè tutti ci possono scrivere, troverò sia l'articolo di schifo, ma quando ti immergi in quelle belle pagine di alpin sketch, ad alp non ci pensi proprio.

Internet da una vetrina più ampia, con una scelta pressochè illimitata, il più delle volte gratis. Le riviste si legano alle solite dinamiche ai soliti editori, ai soliti lettori, ai soliti articoli, magari anche belli, ma pur sempre incanalati nel concetto "o ti piace la minestra o ti butti dalla finestra". Su internet magari leggo una bella pagina di un cretino che è andato a fare blocchi e si è scordato il crash, e mi diverte di più di messner che mi fa le solite cazziate su Alp.
Insomma su internet scelgo e trovo, sulle riviste subisco (nel senso buono he!)
avatar
fab

Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 16.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Beldar il Lun Mar 19, 2012 9:38 am

MauMau ha scritto: Quelli che dicono "ma che mi compro la rivista a fare per leggere una notizia che trovo su internet" dimostrano che (non) compravano le riviste per leggere le notizie e non si sono mai accorti di tutto il resto... allora veramente erano soldi buttati! Per cui cosa vuoi che oggi colgano la differenza tra il fatto che continuino ad esistere o scompaiano domani?

io sono uno di quelli; le riviste le compravo, e mi leggevo tutto con avidità, comprese le pubblicità, perchè spesso erano il modo più immediato per capire che attrezzature stavano uscendo sul mercato, sopratutto per uno sfigato come me che abita all'ultimo lembo di periferia dell'impero.
Il tuo punto di vista sarebbe condivisibile se davvero la qualità delle riviste fosse stata sempre, o almeno spesso, così alta , da non essere soppiantabile da un odierno sito/blog e altri "robi del web".
Ma così non era, le riviste erano piene di articoli del menga, inutili, scritti male, che non raccontavano nulla, di qualità spesso scadente, perfettamente sostituibili dalle due righe+video con gopro+belle foto che oggi trovo in rete, ricordo ancora la delsuione del trovarsi in mano certi numeri di Alp attesi facendo la posta all'edicola per una o due settimane.
Nel web peraltro ci sono anche blog e siti dove la qualità degli articoli ( o come li vogliamo chiamare ) è alta, e dove posso andare a leggere direttamente cosa racconta il climber canadese o neozelandese senza espattare che AGD , tu o un 'altro vadano ad intervistarlo. Le riviste erano una finestra sul mondo, per molti di noi l'unica, ora il mondo è fuori dalla finestra, basta aprirla e ravanare un pò.
avatar
Beldar

Messaggi : 531
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 46
Località : Sardegna, circa...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  biemme il Lun Mar 19, 2012 9:51 am

MauMau ha scritto:....Quelli che dicono "ma che mi compro la rivista a fare per leggere una notizia che trovo su internet" dimostrano che (non) compravano le riviste per leggere le notizie e non si sono mai accorti di tutto il resto... allora veramente erano soldi buttati! Per cui cosa vuoi che oggi colgano la differenza tra il fatto che continuino ad esistere o scompaiano domani? .....
.....mi verrebbe da citare il solito Guccini con l'avvelenata ....

cuoto, bicuoto, stracuoto questa profonda e triste verità

quanto al resto ... ebbasta co sto guccini, lo infili proprio dappertutto Cool Cool
avatar
biemme

Messaggi : 2251
Data d'iscrizione : 13.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  schen il Lun Mar 19, 2012 9:52 am

MauMau ha scritto:Paradossalmente va bene anche la pubblicità negativa, meglio ancora la polemica come è stato in Valle dellOrco per il Diedro Atomico: un successo senza precedenti. Io lo trovo un po' triste, ...

Intanto ci tengo a dire che spiace davvero che uno in gamba come Maurizio si trovi a dover fare i conti con i mutamenti delle mode (perchè di questo si tratta.. i soldi per le cazzate la gente li trova sempre e non c'è crisi che tenga..) quando un sacco di gente meno che mediocre ha un mare di tutele e stipendio d'oro.. questo purtroppo è il paradosso dei nostri tempi e non solo in Italia.
Credo che uno come Mau potrebbe tranquillamente inserirsi in un qualunque, veramente qualunque, ingranaggio aziendale da zero e brillare immediatamente per iniziativa e differenza di approccio mentale al lavoro. Però un lavoro come questo probabilmente non interessa.
Detto questo, che non è una sviolinata ma un parere personale, non è possibile sfruttare a tuo vantaggio questa superficialità dilagante e vendere ciò che la gente vuole? Sono certamente ingenuo, ma mi ha stupito (caso simile l'affaire "diedro atomico",,) il fuoco (di paglia..) generato dalla polemica sul Torre e l'immensa partecipazione di pubblico, più o meno introdotto, anche se molti han dovuto prima consultare l'atlante per trovarlo.. il Torre.
Tutti sapevano o fingevano di conoscere la storia di Maestri, di Bridwell, di Garibotti, i loro punti di vista, ecc... il web ha funzionato, cassa di risonanza garantita. Interazione sui forum internazionali, sfoggio di inglese, ecc..
Ecco: come potersi reinventare giornalista di gossip alpinistico, sapendo però bene ciò che si scrive e commenta? Sei uno dei pochi che potrebbe farlo bene.. devi solo diventare una puttana, superficiale e qualunquista.. Rolling Eyes
Ma adesso è ciò che tira. Lo abbiamo visto tutti.

Comunque, se vieni al corso guide in Valle, te li mangi ancora tutti in insalata sti bociassa!
avatar
schen

Messaggi : 715
Data d'iscrizione : 15.03.12
Età : 52
Località : Vallée d'Aoste

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 10:03 am

schen ha scritto:
MauMau ha scritto:Paradossalmente va bene anche la pubblicità negativa, meglio ancora la polemica come è stato in Valle dellOrco per il Diedro Atomico: un successo senza precedenti. Io lo trovo un po' triste, ...

Intanto ci tengo a dire che spiace davvero che uno in gamba come Maurizio si trovi a dover fare i conti con i mutamenti delle mode (perchè di questo si tratta.. i soldi per le cazzate la gente li trova sempre e non c'è crisi che tenga..) quando un sacco di gente meno che mediocre ha un mare di tutele e stipendio d'oro.. questo purtroppo è il paradosso dei nostri tempi e non solo in Italia.
Credo che uno come Mau potrebbe tranquillamente inserirsi in un qualunque, veramente qualunque, ingranaggio aziendale da zero e brillare immediatamente per iniziativa e differenza di approccio mentale al lavoro. Però un lavoro come questo probabilmente non interessa.
Detto questo, che non è una sviolinata ma un parere personale, non è possibile sfruttare a tuo vantaggio questa superficialità dilagante e vendere ciò che la gente vuole? Sono certamente ingenuo, ma mi ha stupito (caso simile l'affaire "diedro atomico",,) il fuoco (di paglia..) generato dalla polemica sul Torre e l'immensa partecipazione di pubblico, più o meno introdotto, anche se molti han dovuto prima consultare l'atlante per trovarlo.. il Torre.
Tutti sapevano o fingevano di conoscere la storia di Maestri, di Bridwell, di Garibotti, i loro punti di vista, ecc... il web ha funzionato, cassa di risonanza garantita. Interazione sui forum internazionali, sfoggio di inglese, ecc..
Ecco: come potersi reinventare giornalista di gossip alpinistico, sapendo però bene ciò che si scrive e commenta? Sei uno dei pochi che potrebbe farlo bene.. devi solo diventare una puttana, superficiale e qualunquista.. Rolling Eyes
Ma adesso è ciò che tira. Lo abbiamo visto tutti.

Comunque, se vieni al corso guide in Valle, te li mangi ancora tutti in insalata sti bociassa!

grazie schen, poi manda l'iban che faccio il bonifico :mrgreen:

quello che dici ci sono arrivato, ed in fatti l'ho fatto presente a PM durante una chiaccherata con la redazione. Ovviamente non proponendomi in prima persona ma facendo presente alcuni personaggi che avrebbero una penna felice in questo senso, che ora bazzicano nei forum. Batman ad esempio, ma ce ne sono diversi altri in giro. Alcuni hanno perso un po' la voglia di scrivere ma erano molto bravi, penso a Mirko Giorgi, ad esempio.
Ma tornando a palla... chi li paga? O pensi che tutti lo dovrebbero fare gratis a prescindere?


Ultima modifica di MauMau il Lun Mar 19, 2012 10:12 am, modificato 1 volta
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Drugo Lebowsky il Lun Mar 19, 2012 10:09 am

biemme ha scritto:[

quanto al resto ... ebbasta co sto guccini, lo infili proprio dappertutto Cool Cool

preferiresti TI insinuasse qualcos'altro??? asd
avatar
Drugo Lebowsky

Messaggi : 857
Data d'iscrizione : 12.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  MauMau il Lun Mar 19, 2012 10:11 am

per rispondere agli altri. Preciso che io mi riferivo principalmente alle riviste di qualche anno fa, in cui c'erano aricoli "d'autore" chiamamoli così. Lo so anche io che negli ultimi anni sono scadute, ma comunque se non le compri non puoi mica beccare quell'unico che magari c'è, eh? Tu per esempio fab non le compri a prescindere, ti sei formato un'opinione che è quella ormai da anni (ne avevamo già discusso qualche anno fa) e quindi...

A Beldar vorrei dire che qualche anno fa, per alp, ho scritto un articolo su ulassai per cui ci eravamo impegnati abbastanza per fare una bella cosa. Cercando di tracciare un parallelo tra arte ed arrampicata eravamo riusciti ad intervistare Maria Lai che è un'artista a livello internazionale e dio sa come era stato difficile, ha più di 90 anni e siamo andati un sacco di volte a casa sua, scontando i suoi umori, le sue amnesie, e le sue lampate di genio. Poi mi diceva "fai vedere cosa hai scritto sul foglio" e diceva "io ho detto questo? Non ho detto questo! Riscrivi!". Quando era uscito l'articolo forse l'han letto in dieci e nessuno mi ha mandato uno straccio di commento No Tanto che gli stessi testi li ho utilizzati poi su internet e sulla mia guida e molti hanno commentato positivamente. Tutto questo per dire che le riviste non son lette "a prescindere".

___________________________
Vuelvo al Sur
Como se vuelve siempre al amor
avatar
MauMau

Messaggi : 2175
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 54
Località : Disneyland

http://www.pietradiluna.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le riviste di settore

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum