9 arrampicatori su 10 continuano a fare gli stessi errori - POST 1

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

020512

Messaggio 

9 arrampicatori su 10 continuano a fare gli stessi errori - POST 1




Ho finito di leggere il libro di DML ... alpinista anglosassone del nord che sicuramente conoscete ma evito di scrivere per esteso per evitare rintracciamenti che possano farci accusare di violazione del copyright Very Happy . Qui e lì ho sottolineato cose che reputavo interessanti. Le traduco e le condivido con voi. Parliamone.

Creatures of habit. Abitudinari

Solo lavorando sui punti di debolezza si riusciranno a realizzare sensibili miglioramenti.

Ti trovi bloccato a un plateau e cerchi di oltrepassarlo. Cambiare tutto proprio ora? D’improvviso hai di nuovo qualcosa da perdere. Se provi qualcosa di nuovo (tipo gli strapiombi, o le placche di aderenza) sarai sicuramente una schiappa e ciò ti metterà in imbarazzo. Questo è il modo in cui la maggior parte degli arrampicatori smette di migliorare. E’ la naturale e umana “paura della perdita”.

Il motivo per cui tutti si concentrano sulla forza è perché è molto più facile che affrontare i veri punti deboli. Che in genere sono proprio la paura di cadere e la paura di fallire.

Il realtà fallire è parte integrante del successo a lungo termine. Quindi immergiti il più possibile in sessioni di allenamento in cui il successo è il traguardo finale di una lunga sequenza di fallimenti previsti.

Racconta alle persone i tuoi obiettivi e quando non li raggiungi ammettilo pubblicamente. Se possibile arrampica nelle situazioni per te meno confortevoli. Con la gente che ti guarda e che magari fa foto o video.

Questa terapia serve a eliminare lo spettro del fallimento e a farti recuperare quel “non ho nulla da perdere” che avevi quando eri un principiante.

Ci sono due modi di affrontare questo tipo di situazione: gradualmente o di getto. Ognuno utilizzi quella che preferisce. L’importante è che il momento più giusto per iniziare è ora.

Lavorare sui punti deboli è un ritornello classico dell’allenamento. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Questo è ancora più difficile nel tempo. Quando tutti i tipi di routine si sono stabiliti nelle tue attività arrampicatori. In genere gli arrampicatori che migliorano più rapidamente sono quelli le cui routine sono costantemente interrotte da viaggi o da cambiamenti di partner.

Prendi il tipo di arrampicata in cui sei più portato come qualcosa di piacevole da assaporare. Ma non fare solo quello.

Molte persone pensano che i punti deboli siano solo entità statiche di sottofondo. Continuiamo ad ignorarli perché pensiamo che sia ancora possibile migliorare lavorando nella confort zone. In realtà mentre li ignoriamo i punti deboli crescono più rapidamente di quanto crescano quelli di forza mentre cerchiamo di rinforzarli.

Per molti il senso di perdita insito nell’abbandonare il sentiero conosciuto è così forte che preferiscono continuare nonostante da tempo immemore siano lì, bloccati.

Molti arrampicatori sanno benissimo quali sono le loro debolezze ma si autoconvincono di non poter fare nulla. “Gli strapiombi non li capisco proprio”. “Le placche a tacche non sono il mio sport”.

Molti di quelli che capiscono i propri punti deboli e tentano di agire su di essi non provano abbastanza per vedere i primi risultati. Chi fa gli strapiombi diventa bravo perché ne fa tanti. Ma nessuno di quelli che non li fanno mette in relazione le due cose. E’ probabile che facendone tanti chiunque migliori le proprie capacità arrampicatorie su quel terreno. Migliorando di conseguenza la prestazione complessiva.

Per interrompere cattive abitudini servono 3 ingredienti:

1) il desiderio di cambiare
2) la consapevolezza di cosa cambiare
3) le conoscenze/abilità per realizzare il cambiamento

Nella prossima puntata inizia l’analisi dei BIG 4 dell’arrampicata: tecnica, forza delle dita, resistenza, peso corporeo … stay tuned …

________________________________________________________________



Ultima modifica di Tengri il Gio Mag 03, 2012 2:48 pm, modificato 1 volta
avatar
Tengri

Messaggi : 1238
Data d'iscrizione : 13.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

9 arrampicatori su 10 continuano a fare gli stessi errori - POST 1 :: Commenti

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:28 pm  MauMau

Buzz ha scritto:
mork ha scritto:Io quasi quasi un topic lo apro. Sul CAI intendo

Quello dei blocchi mentali è un sistema perverso... Io sono il prototipo di quello che non prova la via tal dei tali perché è di grado X, mentre io "faccio" solo il grado X-1.
Poi magari provo il grado X, magari spinto da qualcuno, e magicamente arrivo alla catena... addirittura vivo! ... allora forse qualche X si può provare...

Ma mai il X+1, eh, sia chiaro

La mia compagna va oltre. Se arriva in catena lo sgrada.
"Se l'ho fatto io non può essere X"

dev'essere caiana. Perchè è una frase tipica. Chi ha frequentato prima di te? Twisted Evil mrgreen

il V+ duro nasce da lì. Perchè il caiano inside il VI lo fa solo in stato di grazia, e quindi il "se l'ho fatto non può essere VI" produce i V+ che ben conosciamo. Che dovrebbero essere i 4c/5a di falesia, ma non sono Rolling Eyes Poi questa dinamica si acuisce in presenza di un diedro o una fessura. E se provi a dir qualcosa ti apostrofano dicendo "ma se gli altri non sanno fare i diedri, che stiano a casa!" Poi però dal 6a in su le cose si rimettono a posto e diventa tutto un indistinto tra libera e A0, che si riassume con un "son passato" che non si capisce bene... mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:39 pm  Tengri

Bello sto dibattito. E francamente in un modo perfetto anche a me piacerebbe l'arrampicata naif del "c'è tutto da scoprire" "faccio come mi pare" "siamo tutti pionieri". Ma farlo oggi è come reinventare l'acqua calda. Le informazioni sono lì, le cerchi e le trovi. Allora tanto vale trovare quelle giuste. Tanto vale ragionarci e scoprire non l'acqua calda, ma come l'acqua calda può fare piacere a te per come sei fatto.

Anche io Fo lascerei i principianti scalare senza nessuna indicazione se non quelle richieste per i primi tempi. Ma la tua selezione naturale è una cosa talmente decontestualizzata che forse la potresti mettere in pratica andando ad arrampicare con gli yanomami sui tepui del Venezuela. Il mondo che ci sta intorno (anche quello arrampicatorio) volente o nolente ti influenza. Meglio allora guidare questa influenza secondo la mia modesta opinione che vivere nell'illusione della libertà.

Torniamo quindi nel mondo in cui siamo altrimenti di che parliamo?

E qui sono molto più d'accordo con Mau Mau e l'approccio "marziale". A me se una via la faccio a cazzo mi sta più sulle palle che se cado. Per capirci. E vi ricordo che qui stiamo parlando di arrampicata sportiva e NON della sacra e inviolabile arte del salire montagne CHE E' ALTRA COSA. L'argomento del libro di DML è l'arrampicata sportiva. Anche il trad moderno. Ma NON l'alpinismo o l'arrampicata trad classica.

Per il resto sono d'accordo pure con Buzz quando dice che l'arrampicata alla fine è uni sporto come un altro. Solo molto giovane e non economicamente rilevante. Quindi i ragionamenti che stiamo facendo noi (ma che si fanno dagli anni '80), i tennisti li facevano nel 1800 ... e questo io lo considero un privilegio. Far parte di questa riflessione.

Magari allora c'era pure qualche tennista che diceva "ma che cazzo pensi al polso, al piede, alla mano, Ciappa quelle cazzo di racchetta e spara la palla di là come se lo volessi uccidere quel bastardo". E magari funzionava pure. Ognuno sceglie come fare. Ma non è delle scelte personali che parliamo. Ma solo delle idee di DML, dei suoi suggerimenti per migliorare PARTENDO DALLA TUA BASE.

Fo, dici che scalavi forte, buon per te. Dici risolvendo con la forza tutto il risolvibile. Di nuovo buon per te. Quello che ti avrebbe suggerito DML è che probabilmento lavorando su altre componenti avresti potuto scalare ancora più forte. Non ti frega un cazzo? Non pensi che migliorare la motivazione, la tecnica, qual particolare movimento che non sai fare .... allo stesso modo in cui probabilmente (consapevole o meno) allenavi la forza serva a qualcosa? Buon per te di nuovo. Ma sei incontraddizione con te stesso. Risolvere con la forza è uno dei modi di risolvere. Il tuo personale. Ma dire semplicemente "io faccio così" non ti pare un po' limitante? Aprirsi a soluzioni diverse potrebbe giovare tanto al modo di sclaare quato all'espressione dell'anima che precede o segue uil gesto arrampicatorio.

Ma è chiaro che dipende da qual'è il tuo obiettivo. Se è quello di scalare meglio allora ti dico che forse il libro di DML (solo perché è di questo che parliamo) leggerlo male non ti farebbe. Se invece scali per scalare (e il risultato non ti interessa) allora stiamo parlando di altro. E in certi momenti condivido anche questo tuo pensiero. in certi altri però mi piacerebbe migliorare NON IL RUSULTATO (ovvero il grado) MA IL PROCESSO. In linea generale preferisco scalare un 6a a vista ballando come nureief che arrancare come un beota su un 7a (perdona la pippaggine ma questi sono i miei gradi eh ) arrivando comunque in catena.

PS: è vero che scalare è lo specchio dell'anima. Infatti scalare bene, sentendosi bene in quello che si fa scalando fa bene all'anima. Ovvero, per la scalata vale anche la proprietà trasitiva e terapeutica. Sperimentato sulla mia pelle! Wink

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:41 pm  mork

Buzz ha scritto:
mork ha scritto:Io quasi quasi un topic lo apro. Sul CAI intendo

Quello dei blocchi mentali è un sistema perverso... Io sono il prototipo di quello che non prova la via tal dei tali perché è di grado X, mentre io "faccio" solo il grado X-1.
Poi magari provo il grado X, magari spinto da qualcuno, e magicamente arrivo alla catena... addirittura vivo! ... allora forse qualche X si può provare...

Ma mai il X+1, eh, sia chiaro

La mia compagna va oltre. Se arriva in catena lo sgrada.
"Se l'ho fatto io non può essere X"

è vero!! mi capita di pensarlo...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:47 pm  mork

comunque vorrei dire una cosa...

avendo passato tutto l'inverno in palestra, finalmente ho arrampicato con continuità e sopratutto sono molto migliorato tecnicamente (anche arrampicando con gente, uno in particolare, brava tecnicamente).

Ecco: Arrampicare è bello, ma Arrampicare BENE è una figata! Very Happy Very Happy

(al di là del grado).

così tanto per dire.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:48 pm  buzz

MauMau ha scritto:
Buzz ha scritto:
mork ha scritto:Io quasi quasi un topic lo apro. Sul CAI intendo

Quello dei blocchi mentali è un sistema perverso... Io sono il prototipo di quello che non prova la via tal dei tali perché è di grado X, mentre io "faccio" solo il grado X-1.
Poi magari provo il grado X, magari spinto da qualcuno, e magicamente arrivo alla catena... addirittura vivo! ... allora forse qualche X si può provare...

Ma mai il X+1, eh, sia chiaro

La mia compagna va oltre. Se arriva in catena lo sgrada.
"Se l'ho fatto io non può essere X"

dev'essere caiana. Perchè è una frase tipica. Chi ha frequentato prima di te? Twisted Evil

Rolling Eyes
uhm... che io sappia, prima, nessun caiano.
dovrò mica guardarmi attorno? Suspect Shocked

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 2:51 pm  Ospite

Scalavo(alo) per scalare.

mai avuto un progetto, mai provato un tiro più di 5 -6 volte, i blocchi qualcosa di più.

Probabilmente è per questo che non sono diventato più forte.
Mi alleno perchè mi piace allenarmi e mi piace fare fatica, mi piace sudare, mi piace sentire i muscoli che fanno male, credo di essere dipendente dalle endorfine.

Di tecnica ne ho, ma negli anni la scalata che ho sviluppato, la mia personale, è molto minimale e essenziale. quasi sempre frontale un piede puntato l altro in balance e via andare.
questo non vuol dire che se c è da usare tecnica non lo so fare.

Dopo un certo livello quando le prese diventano sempre più piccole e lontane, serve una fusione di tecnica e forza, a meno che tu non sia sharma su Jumbo Love.
Senza questo connubio in certe falesie non fai nemmeno i 6c e ti cito così a memoria Laste e Cornalba.

per cui ribadisco che le pare di cui sopra, sono le pare dei deboli che cercano vie di fuga/scappatoie.
preferisco molto di più chi come me e sicuramente come MauMau è perfettamente conscio dei propri limiti e non si maschera dietro "allena la tecnica"/ allena il volo /allena la forza.
Ma dice semplicemente: è troppo duro adesso non ce la faccio.

e poi ci sono movimenti che non riescono, in una piccola falesia del comasco provavo sto tiro, il crux era l ultimo movimento, non ce l avevo non c era un cazzo da fare.
arrivavo nemmeno ghisato, sempre in controllo, ma nulla, venivo via.

non ci sono storie, ero debole, fisicamente non avevo quel move.
magari provando il tiro 100 alla fine sarebbe entrato ma a quel punto non avrebbe avuto più senso.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:02 pm  mork

Buzz ha scritto:
MauMau ha scritto:
Buzz ha scritto:
mork ha scritto:Io quasi quasi un topic lo apro. Sul CAI intendo

Quello dei blocchi mentali è un sistema perverso... Io sono il prototipo di quello che non prova la via tal dei tali perché è di grado X, mentre io "faccio" solo il grado X-1.
Poi magari provo il grado X, magari spinto da qualcuno, e magicamente arrivo alla catena... addirittura vivo! ... allora forse qualche X si può provare...

Ma mai il X+1, eh, sia chiaro

La mia compagna va oltre. Se arriva in catena lo sgrada.
"Se l'ho fatto io non può essere X"

dev'essere caiana. Perchè è una frase tipica. Chi ha frequentato prima di te? Twisted Evil

Rolling Eyes
uhm... che io sappia, prima, nessun caiano.
dovrò mica guardarmi attorno? Suspect Shocked

firulì cià

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:02 pm  MauMau

Fo3-The Awakening ha scritto:Scalavo(alo) per scalare.

mai avuto un progetto, mai provato un tiro più di 5 -6 volte, i blocchi qualcosa di più.

Probabilmente è per questo che non sono diventato più forte.
Mi alleno perchè mi piace allenarmi e mi piace fare fatica, mi piace sudare, mi piace sentire i muscoli che fanno male, credo di essere dipendente dalle endorfine.

Di tecnica ne ho, ma negli anni la scalata che ho sviluppato, la mia personale, è molto minimale e essenziale. quasi sempre frontale un piede puntato l altro in balance e via andare.
questo non vuol dire che se c è da usare tecnica non lo so fare.

Dopo un certo livello quando le prese diventano sempre più piccole e lontane, serve una fusione di tecnica e forza, a meno che tu non sia sharma su Jumbo Love.
Senza questo connubio in certe falesie non fai nemmeno i 6c e ti cito così a memoria Laste e Cornalba.

per cui ribadisco che le pare di cui sopra, sono le pare dei deboli che cercano vie di fuga/scappatoie.
preferisco molto di più chi come me e sicuramente come MauMau è perfettamente conscio dei propri limiti e non si maschera dietro "allena la tecnica"/ allena il volo /allena la forza.
Ma dice semplicemente: è troppo duro adesso non ce la faccio.

e poi ci sono movimenti che non riescono, in una piccola falesia del comasco provavo sto tiro, il crux era l ultimo movimento, non ce l avevo non c era un cazzo da fare.
arrivavo nemmeno ghisato, sempre in controllo, ma nulla, venivo via.

non ci sono storie, ero debole, fisicamente non avevo quel move.
magari provando il tiro 100 alla fine sarebbe entrato ma a quel punto non avrebbe avuto più senso.

un aneddoto fresco fresco che fa sorridere. Sono appena tornato dalla corsica. Ho aperto una via insieme a Giupponi, Sartori e Larcher, non so se mi spiego i megatoni di forza che totalizzano quei tre mrgreen E come abbasso la media io Embarassed

la scena è questa: Gippo forza l'uscita da un tafone strapiombante. Prende una pinza, svaso verticale, lancia a una piatta, accoppia, piedi che partono, tallonaggio, corpo orizzontale ed esce. Un paio di tentativi per farlo. Sentenzia 7a/b boulder. Deglutisco. Parte Sartori da secondo, vedo che tiene la pinza con una smorfia, ci tira a bestia orizzontale e così mettendosi riesce ad acchiappare la piatta ed esce. Ho un groppo allo stomaco. E' il turno di Rolando, che va da primo, io seguirò da secondo. Arriva alla pinza di sinistro e dice: ma io questa non la tengo così, mi viene meglio di destro. Solo che così è costretto a fare un megalancio su un appiglio non visto dai due amici. Lo tiene, sbandierata furiosa e poi esce come gli altri. Ho mal di stomaco. Tocca a me, arrivo al passaggio. Tasto la pinza di sinistra e mi sembra intenibile. La tasto di destra, ma l'appiglio a cui ha lanciato Rolly mi sembra lontano come il settimo piano di un palazzo. Faccio un timido tentativo ma non mi schiodo. dentro di me penso: qua ci vuole solo forza, qua ci vuole la forza che non ho, non passerò mai! Ma l'occio mi cade un metro a destra e vedo due belle prese, neanche considerate dagli altri. Le prendo ed esco agevolmente. 6c massimo mrgreen mrgreen Poi, siccome sono onesto, con i compagni son stato sincero Evil or Very Mad

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:04 pm  buzz

Sei uscito fuorivia. Non vale.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:05 pm  Ospite

No MauMAU

cazzo!!!

c è solo un modo per scalare, una solo via, una sola tecnica!!!!!!!!!!!!!

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:06 pm  Ospite

e ti sta bene... andar via con certa gente asd asd asd Rolling Eyes

(io non glielo avrei detto e avrei fatto lo sborone elephant )

Wink

Ultima modifica di A il Mer Mag 09, 2012 3:07 pm, modificato 1 volta

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:06 pm  MauMau

Buzz ha scritto:Sei uscito fuorivia. Non vale.

se sono intelligente e dalle ampie vedute, cosa posso farci? Cool asd

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:06 pm  buzz

Fo3-The Awakening ha scritto:No MauMAU

cazzo!!!

c è solo un modo per scalare, una solo via, una sola tecnica!!!!!!!!!!!!!


Non dire fesserie fo.
Quando si parla di tecnica non si parla di questo. Questa è apertura mentale (e necessità che aguzza l'ingegno). In un altro sport si chiamerebbe tattica, non tecnica.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:08 pm  buzz

MauMau ha scritto:
Buzz ha scritto:Sei uscito fuorivia. Non vale.

se sono intelligente e dalle ampie vedute, cosa posso farci? Cool

in effetti, nella risposta seria che ho dato a Fo, sopra, penso sia proprio questo: intelligenza a ampiezza di vedute.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:09 pm  Ospite

a me sembra che tecnica tattica le rigirate un po' come volete.

certo che è apertura mentale, mentre io nei vostri post precedenti (tuoi e di Tengri) ho letto tutto tranne che apertura mentale. sorry sorry

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:11 pm  Ospite

come l altro giorno che mi sono perso via 1h a parlare con una ragazza perchè quando sono salito ho zizzagato a dx a sx della linea di spit.

lei ha provato a salire dritta per dritta e (ovviamente) non passava, ma non sono riuscito a farle capire che arrampicare non è seguire la linea di spit.

ci ho rinunciato.
ca**i suoi

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:12 pm  MauMau

scherzi a parte, è ovvio che ti rimane l'amaro in bocca, perchè anche se il passaggio è valido lo stesso, non sono uscito fuorivia Evil or Very Mad ... non l'ho fatto come l'hanno fatto loro. E siccome non mi importa del risultato ma delle mie capacità globali, non è stata per me una vittoria...

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:15 pm  Ospite

Però alla fine stringendo
amo scalare perchè nessuno mi può dire si fa così al posto che cosà
oppure giusto e sbagliato
io faccio il ca**o che voglio, come voglio, quando voglio!
e spero che rimanga così sempre,
non mi interessa a livello globale, di quello che fanno gli altri fotte sega!
deve rimanere così per me.
se poi agli altri ci piace certificare le lolotte in palestra e fare i corsi di scalata frontale e laterale
buon per loro.



Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:18 pm  buzz

Fo3-The Awakening ha scritto:a me sembra che tecnica tattica le rigirate un po' come volete.

certo che è apertura mentale, mentre io nei vostri post precedenti (tuoi e di Tengri) ho letto tutto tranne che apertura mentale.

boh... ho la vaga sensazione che non ci si comprenda a pieno non tanto sul significato che diamo alle parole, quanto alla distanza da cui si guarda la cosa.
tu parli della tua esperienza soggettiva e del tuo approccio.
io parlo in generale, dall'esterno.

se dovessi parlare della mia esperienza soggettiva ti direi che tendenzialmente, in tutte le attività che ho praticato, ho seguito il tuo approccio. anche nell'arrampicata. ma credo di far testo relativamente, perché avendo iniziato piuttosto tardi, non mi sono mai impegnato nell'arrampicata con la volontà e determinazione che ho messo in altre attività.
scalo e mi alleno dando priorità ad altro, il miglioramento è uno scopo secondario. non che non mi gratifichi se arriva, ma non gli do troppa importanza.

sto invece cercando di guardare la realtà dell'arrampicata come se dovessi dare dei consigli a mia figlia che volesse diventare veramente brava nell'arrampicata.

è una cosa diversa.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:23 pm  MauMau

ma tornando al tema... se per esempio chiedo a te buzz quali sono i tuoi punti deboli e cosa fai per sanarli...che rispondi? Ovvio che ti puoi avvalere della facoltà di non rispondere! mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:24 pm  Ospite

Buzz ha scritto:


sto invece cercando di guardare la realtà dell'arrampicata come se dovessi dare dei consigli a mia figlia che volesse diventare veramente brava nell'arrampicata.

è una cosa diversa.

Te lo dico io l approccio giusto da dare a tua figlia.


2 anni fa son stato una settimana a Ceuse, in falesia conosciamo questo signore che scalava da dio, con due ragazzini, fortissimi, un po' impacciati a scalare.

parla te che parlo io, salta fuori che lui è Mr Sandro Neri e i due ragazzi sono due giovani promesse di gare di difficoltà.

Morale per fargli imparare a scalare li ha portati a Ceuse e altrove.
a parte i complimenti per l apertura mentale(credo che in qls altro coach li avrebbe rinchiusi a fare trave e pesi tutto agosto) nel suo comportamento è racchiusa la ricetta di come si fa a diventare veramente bravi a scalare:

allenarsi tanto e soprattutto scalare tanto su più terreni possibili il più possibile, sempre da primi, il più possibile a vista.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:25 pm  Ospite

MauMau ha scritto:ma tornando al tema... se per esempio chiedo a te buzz quali sono i tuoi punti deboli e cosa fai per sanarli...che rispondi? Ovvio che ti puoi avvalere della facoltà di non rispondere! mrgreen

ti rigiro la domanda mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:26 pm  MauMau

Fo3-The Awakening ha scritto:
Buzz ha scritto:


sto invece cercando di guardare la realtà dell'arrampicata come se dovessi dare dei consigli a mia figlia che volesse diventare veramente brava nell'arrampicata.

è una cosa diversa.

Te lo dico io l approccio giusto da dare a tua figlia.


2 anni fa son stato una settimana a Ceuse, in falesia conosciamo questo signore che scalava da dio, con due ragazzini, fortissimi, un po' impacciati a scalare.

parla te che parlo io, salta fuori che lui è Mr Sandro Neri e i due ragazzi sono due giovani promesse di gare di difficoltà.

Morale per fargli imparare a scalare li ha portati a Ceuse e altrove.
a parte i complimenti per l apertura mentale(credo che in qls altro coach li avrebbe rinchiusi a fare trave e pesi tutto agosto) nel suo comportamento è racchiusa la ricetta di come si fa a diventare veramente bravi a scalare:

allenarsi tanto e soprattutto scalare tanto su più terreni possibili il più possibile, sempre da primi, il più possibile a vista.

ma non è mica uno scazzacani qualunque! Rolling Eyes

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:26 pm  MauMau

Fo3-The Awakening ha scritto:
MauMau ha scritto:ma tornando al tema... se per esempio chiedo a te buzz quali sono i tuoi punti deboli e cosa fai per sanarli...che rispondi? Ovvio che ti puoi avvalere della facoltà di non rispondere! mrgreen

ti rigiro la domanda mrgreen

lo sapevo, per questo l'ho fatta a buzz! mrgreen e lui risponde, risponde...sta scrivendo... asd

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 09, 2012 3:28 pm  Ospite

MauMau ha scritto:
ma non è mica uno scazzacani qualunque! Rolling Eyes

per quello che l ho conosciuto io
è un grande.

ps ps si si sta scrivendo, non sotto le 1000 battiture mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum