Pericoli nell'arrampicata in falesia

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  bixio il Mer Giu 20, 2012 5:26 pm

giggio ha scritto:
bixio ha scritto:
giggio ha scritto:semplice: per fare gli sboroni.
allora…questa è una vostra opinone, ma solo vostra! chiunque abbia mai scalato saltando i rinvii o in free avrà difficoltà enormi a spiegare cosa prova e perché lo fà e questo non farà altro che alimentare i discorsi dei benpensanti sul fatto che in fondo chi lo fa o è uno sborone o un pazzo che mette a repentaglio la sua vita e chissà che altro!

Ora, ovviamente non so chi era il personaggio descritto, ma proprio perché non lo so non mi va di giudicare il suo comportamento come un’atto folle e irresponsabile….anzi non mi va di giudicare e basta!

Semplicemente perché l’ho fatto anch’io in falesia e su vie lunghe particolari sia in italia che in francia: sono stati momenti intensissimi in cui veniva dal cuore e andava di pari passo con la forma fisica di quel periodo e vi assicuro che, fatto con cognizione di causa

e senza forzature esterne, ti fa comprendere le tue vere capacità e la tua mente da prospettive differenti.

Ripeto è difficile da esprimere…poi magari quello di cui parlava buzz è veramente un folle ma qualcosa mi spinge a dubitare su quello che “la gente dice”….staremmo freschi!

E poi…se devo dirla tutta, quando vado in falesia ho paura di altro, per esempio ho paura di chi non ha la benché minima idea della propria capacità cognitiva in relazione a quello che sta facendo e in relazione all’ambiente circostante!

Effettivamente se c’è una cosa che mi fa paura è chi arrampica con arroganza e senza un briciolo di umiltà perché lo considero molto più pericoloso di uno che se ne va allegramente saltando i rinvii senza rompere i coglioni al prossimo! Wink

non stiamo parlando di free solo e non mi sognerei di criticare chi pratica questa attività.
io sto parlando di chi salta rinvii in falesia su vie ben al di sotto del suo livello.
se vuoi l'adrenalina ci sono mille posti e mille modi che credo diano molta più soddisfazione. la pareti son piene di vie ingaggiose dove il rischio del volo kilometrico lo fai anche rinviando tutte le protezioni presenti. E allora perché mettersi nella falesia superfrequentata a fare questi giochi tre gradi sotto il tuo?
se non è sboronaggine, cos'è? l'adrenalina dei poveri?
vuoi provare un certo tipo di sensazione? fatti una free solo, fatti una via ingaggiosa. se vieni in una falesia piena di gente per fare i 6b con due rinvii... mah. per me sei un po' un pirla. opinione personale e spassionata eh.

no,non è nessuna adrenalina....se sapessi di cosa stò parlando capiresti che quando salti dei rinvii o fai qualcosa sciolto,(se senti di farlo ovviamente!)è perchè sei perfettamente in grado di intendere e di volere e estremamente vigile, concentrato, anche se ci sono mille persone.

Tutto, ma assolutamente non adrenalinico! ora....ho capito che si parla di persone che probabilmente l'hanno fatto per atteggiarsi, ma ti assicuro che chi ti stà parlando è sempre stato un' arrampicatore assolutamente lontano da certe forme di esibizionismo (se mi conoscessi lo sapresti) eppure spesso e volentieri salto i rinvii dove posso e dove voglio, vie lunghe o falesia per il semplice gusto di quello stato d'animo che conosco bene e che mi fà scalare meglio! (naturalmente non scalo con pizza e fichi, ma con la mia compagna con la quale scalo da tanto ed ho un'ottima sintonia!)

Per questo me la prendo tanto, perchè a volte si tende a fare di tutta l'erba un fascio....e non mi sta bene, tutto quà! Comunque credimi se ti dico che l'andrenalina non c'entra una mazza;)
avatar
bixio

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 31.05.12
Età : 51
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  giggio il Mer Giu 20, 2012 5:39 pm

beh, il tuo è un punto di vista che non consideravo; forse intuisco quello che vuoi dire, almeno un pochino. grazie per avere avuto la pazienza di spiegarlo.

___________________________
Tutti i nostri passi hanno seguito un desiderio. Per esaudirlo abbiamo dovuto metterci i piedi sopra e calpestarlo.
avatar
giggio

Messaggi : 766
Data d'iscrizione : 14.03.12
Località : Penn-Ar-Bed

http://unfinishade.typepad.com/climbing/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  bixio il Mer Giu 20, 2012 6:30 pm

giggio ha scritto:beh, il tuo è un punto di vista che non consideravo; forse intuisco quello che vuoi dire, almeno un pochino. grazie per avere avuto la pazienza di spiegarlo.

no...grazie a te! purtroppo non è sempre facile descrivere in maniera corretta un punto di vista e tantomeno un'emozione! E' molto più facile essere frainteso. ciao;)
avatar
bixio

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 31.05.12
Età : 51
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  metatarso il Gio Giu 21, 2012 9:40 am

bixio ha scritto:
giggio ha scritto:
bixio ha scritto:
giggio ha scritto:semplice: per fare gli sboroni.
allora…questa è una vostra opinone, ma solo vostra! chiunque abbia mai scalato saltando i rinvii o in free avrà difficoltà enormi a spiegare cosa prova e perché lo fà e questo non farà altro che alimentare i discorsi dei benpensanti sul fatto che in fondo chi lo fa o è uno sborone o un pazzo che mette a repentaglio la sua vita e chissà che altro!

Ora, ovviamente non so chi era il personaggio descritto, ma proprio perché non lo so non mi va di giudicare il suo comportamento come un’atto folle e irresponsabile….anzi non mi va di giudicare e basta!

Semplicemente perché l’ho fatto anch’io in falesia e su vie lunghe particolari sia in italia che in francia: sono stati momenti intensissimi in cui veniva dal cuore e andava di pari passo con la forma fisica di quel periodo e vi assicuro che, fatto con cognizione di causa

e senza forzature esterne, ti fa comprendere le tue vere capacità e la tua mente da prospettive differenti.

Ripeto è difficile da esprimere…poi magari quello di cui parlava buzz è veramente un folle ma qualcosa mi spinge a dubitare su quello che “la gente dice”….staremmo freschi!

E poi…se devo dirla tutta, quando vado in falesia ho paura di altro, per esempio ho paura di chi non ha la benché minima idea della propria capacità cognitiva in relazione a quello che sta facendo e in relazione all’ambiente circostante!

Effettivamente se c’è una cosa che mi fa paura è chi arrampica con arroganza e senza un briciolo di umiltà perché lo considero molto più pericoloso di uno che se ne va allegramente saltando i rinvii senza rompere i coglioni al prossimo! Wink

non stiamo parlando di free solo e non mi sognerei di criticare chi pratica questa attività.
io sto parlando di chi salta rinvii in falesia su vie ben al di sotto del suo livello.
se vuoi l'adrenalina ci sono mille posti e mille modi che credo diano molta più soddisfazione. la pareti son piene di vie ingaggiose dove il rischio del volo kilometrico lo fai anche rinviando tutte le protezioni presenti. E allora perché mettersi nella falesia superfrequentata a fare questi giochi tre gradi sotto il tuo?
se non è sboronaggine, cos'è? l'adrenalina dei poveri?
vuoi provare un certo tipo di sensazione? fatti una free solo, fatti una via ingaggiosa. se vieni in una falesia piena di gente per fare i 6b con due rinvii... mah. per me sei un po' un pirla. opinione personale e spassionata eh.

no,non è nessuna adrenalina....se sapessi di cosa stò parlando capiresti che quando salti dei rinvii o fai qualcosa sciolto,(se senti di farlo ovviamente!)è perchè sei perfettamente in grado di intendere e di volere e estremamente vigile, concentrato, anche se ci sono mille persone.

Tutto, ma assolutamente non adrenalinico! ora....ho capito che si parla di persone che probabilmente l'hanno fatto per atteggiarsi, ma ti assicuro che chi ti stà parlando è sempre stato un' arrampicatore assolutamente lontano da certe forme di esibizionismo (se mi conoscessi lo sapresti) eppure spesso e volentieri salto i rinvii dove posso e dove voglio, vie lunghe o falesia per il semplice gusto di quello stato d'animo che conosco bene e che mi fà scalare meglio! (naturalmente non scalo con pizza e fichi, ma con la mia compagna con la quale scalo da tanto ed ho un'ottima sintonia!)

Per questo me la prendo tanto, perchè a volte si tende a fare di tutta l'erba un fascio....e non mi sta bene, tutto quà! Comunque credimi se ti dico che l'andrenalina non c'entra una mazza;)
condivisibilissimo,ciao fabri'

metatarso

Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 20.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  AlbertoG il Gio Giu 21, 2012 11:01 am

pur da un punto di vista tipicamente pipponesco, il mio Cool

condivido totalmente Bixio Very Happy

ciaooo bixio
avatar
AlbertoG

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 27.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  abrax il Gio Giu 21, 2012 11:30 am

Per me, in ogni ambito, la libertà di chiunque è sacrosanta e finisce solo dove va a intaccare quella altrui.

Per questo motivo non sono del tutto convinto che, ad esempio, la scelta di saltare deliberatamente certi ancoraggi e di cosneguenza rischiare la pelle sia così da lasciare alla libera scelta di ognuno.

Il padre che si schianta a terra davandi alla figlia non paga da solo il conto ma lo fa pagare anche alla piccola.
Oppure, faccendo tutti gli scongiuri del caso, se Bixio, che non lo fa per l'adrenalina ma per qualcos'altro che altri (a torto o a ragione) chiamano comunque "adrenalina", si schiantasse a terra per non essersi assicurato come la via prevede, non paga da soli il conto del suo infortunio, ma lo pagano affettivamente anche suoi familiari e amici e in soldoni tutti quanti noi.

Quindi secondo me bisognerebbe non solo pensare alle proprie sensazioni del momento ma mettere in conto anche le conseguenze possibili.

abrax

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Beldar il Gio Giu 21, 2012 11:38 am

ragionamento pericoloso; tu lo fai da climber e lo tari "al tuo livello", in maniera che potrei pure condividere, ma comunque con una "soglia " arbitraria.
Prova ora a rifarlo da "uomo che passa il w-end al centro commerciale e a guardare la F1 in TV" (lo so, lo so, è un luogo comune...), salta fuori che siamo tutti indistintamente una manica di pazzi che vanno a rischiare la pelle, e se si fanno male dobbiamo pure spendere soldi per recuperarli, curarli etc etc...
avatar
Beldar

Messaggi : 531
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 46
Località : Sardegna, circa...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  abrax il Gio Giu 21, 2012 11:50 am

Beldar ha scritto:ragionamento pericoloso; tu lo fai da climber e lo tari "al tuo livello", in maniera che potrei pure condividere, ma comunque con una "soglia " arbitraria.
Prova ora a rifarlo da "uomo che passa il w-end al centro commerciale e a guardare la F1 in TV" (lo so, lo so, è un luogo comune...), salta fuori che siamo tutti indistintamente una manica di pazzi che vanno a rischiare la pelle, e se si fanno male dobbiamo pure spendere soldi per recuperarli, curarli etc etc...

Beh, no.
Statistiche alla mano l'arrampicata sportiva ha meno infortuni di altri sport popolarissimi come ad esempio il calcetto.

Probabilmente mi son spiegato male, però io non volevo tanto fare un ragionamento sul costo in soldi per la collettività... ma piuttosto sul fatto che il rischio che ciascuno di noi corre quando prende certe decisioni può avere ripercussioni che non siamo portati a cosiderare (egoisticamente) ma che interessano anche altre persone che si stanno vicino.

Banalmente, se passo una domenica in falesia per rilassarmi in un bell'ambiente facendo sport e uno di fianco a me si ammazza perchè ha fatto il fenomeno ed è salito senza protezioni... capisci che è diverso che se si impicca nella cantina di casa sua.

abrax

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Beldar il Gio Giu 21, 2012 12:01 pm

abrax ha scritto:

Beh, no.
Statistiche alla mano l'arrampicata sportiva ha meno infortuni di altri sport popolarissimi come ad esempio il calcetto.


è vero, ma la gente non ragiona con le statistiche, gli squali sono percepiti come un pericolo ben maggiore delle api, le statistiche dicono nettamente il contrario;
il discorso "rischio vs. tornare dai nostri cari" è anche qui un discorso scivoloso, io stesso ammetto di essere molto meno tollerante rispetto a certe cazzate di quanto non lo fossi dieci anni fa, nel farle e nel vederle fare; ma ciò non tolgie che in linea di massima se chi le fa è palesemente uno che sa quello che sta facendo, sono capperi suoi;
potrebbepure darsi che la componenete caratteriale che lo porta a fare così, ad assumere comportamenti potenzialmente rischiosi, in altri ambiti lo rende una persona preziosa per chi gli sta vicino, possono semplicemente essere aspetti del suo carattere che chi ama non vorrebbe mai vedere "autolimitati".

Ovviamente qui il topic prende una piega completamente diversa dai banali "sboroni" da falesia dei quali si parlava sino a qualche intervento fa.
avatar
Beldar

Messaggi : 531
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 46
Località : Sardegna, circa...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  abrax il Gio Giu 21, 2012 12:05 pm

Beldar ha scritto:
abrax ha scritto:

Beh, no.
Statistiche alla mano l'arrampicata sportiva ha meno infortuni di altri sport popolarissimi come ad esempio il calcetto.


è vero, ma la gente non ragiona con le statistiche, gli squali sono percepiti come un pericolo ben maggiore delle api, le statistiche dicono nettamente il contrario;
il discorso "rischio vs. tornare dai nostri cari" è anche qui un discorso scivoloso, io stesso ammetto di essere molto meno tollerante rispetto a certe cazzate di quanto non lo fossi dieci anni fa, nel farle e nel vederle fare; ma ciò non tolgie che in linea di massima se chi le fa è palesemente uno che sa quello che sta facendo, sono capperi suoi;
potrebbepure darsi che la componenete caratteriale che lo porta a fare così, ad assumere comportamenti potenzialmente rischiosi, in altri ambiti lo rende una persona preziosa per chi gli sta vicino, possono semplicemente essere aspetti del suo carattere che chi ama non vorrebbe mai vedere "autolimitati".

Ovviamente qui il topic prende una piega completamente diversa dai banali "sboroni" da falesia dei quali si parlava sino a qualche intervento fa.

sì, sono d'accordo.
Anche perchè se è già difficile fare capire ad un ragazzino pirla quanto sia stupido rischiare la pelle, fugurarsi ad uno che lo fa a 40/50 anni e che crede di essere per questo (per il fatto di rischiare la pelle) un fenomeno.

abrax

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  biemme il Gio Giu 21, 2012 12:45 pm

abrax ha scritto:...Beh, no.
Statistiche alla mano l'arrampicata sportiva ha meno infortuni di altri sport popolarissimi come ad esempio il calcetto.

Probabilmente mi son spiegato male, però io non volevo tanto fare un ragionamento sul costo in soldi per la collettività... ma piuttosto sul fatto che il rischio che ciascuno di noi corre quando prende certe decisioni può avere ripercussioni che non siamo portati a cosiderare (egoisticamente) ma che interessano anche altre persone che si stanno vicino.

Banalmente, se passo una domenica in falesia per rilassarmi in un bell'ambiente facendo sport e uno di fianco a me si ammazza perchè ha fatto il fenomeno ed è salito senza protezioni... capisci che è diverso che se si impicca nella cantina di casa sua.

si abraz, ora non è il caso tuo, chè non ti conosco,

ma è anche vero che chi passa una tantum una domenica in falesia così tanto per rilassarsi e farsi un tiro anzichè un giro in biic, può avere un approccio più pericoloso x se stesso (e soprattutto x gli altri, quando facesse loro sicura) rispetto a uno che va regolarmente in montagna/falesia e si trova a fare un monotiro di falesia saltando qualche protezione perchè sa di viaggiare con margine o perchè vuole allenarsi (e allenare la mente) alla distanza dai fix approfittando della sicurezza di terreno di gioco e protezioni

anch'io se ho uno slegato n metri sopra la mia testa prendo e me ne vado (al remenno e altrove m'è capitato) e non sto certo lì a fargli la morale perchè é liberissimo di farlo, magari sta viaggiando 4 gradi sopra il suo livello e io al confronto ho rischiato molto più di lui a salire il sentiero d'avvicinamento di III slegato.

anche perchè in falesia i nemici numero uno sono distrazione e mancanza di concentrazione, spesso entrambe figlie di luoghi ad elevata frequentazione, e ancor più, a dirla tutta, in falesia si fa male/ammazza chi (pur mettendo tutti i rinvii e non facendo cazzate) sale assicurato da persona distratta, non concentrata o inesperta (o peggio ancora, inesperta che non si considera tale).

è possibile, ma cmq statisticamente molto meno probabile che si distragga o si deconcentri uno che arrampica slegato o a distanza dalle protezioni
avatar
biemme

Messaggi : 2251
Data d'iscrizione : 13.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Adriano il Gio Giu 21, 2012 12:50 pm

biemme ha scritto:

anche perchè in falesia i nemici numero uno sono distrazione e mancanza di concentrazione, spesso entrambe figlie di luoghi ad elevata frequentazione, e ancor più, a dirla tutta, in falesia si fa male/ammazza chi (pur mettendo tutti i rinvii e non facendo cazzate) sale assicurato da persona distratta, non concentrata o inesperta (o peggio ancora, inesperta che non si considera tale).

è possibile, ma cmq statisticamente molto meno probabile che si distragga o si deconcentri uno che arrampica slegato o a distanza dalle protezioni

Bravo Bruno hai centrato la vera questione Cool

e non ne dubitavo Wink

avatar
Adriano

Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 12.03.12
Età : 58
Località : spilimbergo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  AlbertoG il Gio Giu 21, 2012 12:54 pm

quoto in pieno Biemme Very Happy

[quote="abrax"]
Beldar ha scritto:

è vero,
sì, sono d'accordo.
Anche perchè se è già difficile fare capire ad un ragazzino pirla quanto sia stupido rischiare la pelle, fugurarsi ad uno che lo fa a 40/50 anni e che crede di essere per questo (per il fatto di rischiare la pelle) un fenomeno.

Urca !!!! sono nel pieno della categoria irresponsabile con famiglia 53enne Sad quella del fenomeno no purtroppo Cool



a parte gli scherzi è difficile non cadere nelle banalità con un argomento di questo genere, parto da un presupposto, quello della consapevolezza, la spavalderia è assolutamente da condannare, ma questa la troviamo anche con primi improvvisati su vie da proteggere, alcune volte specialmente chi ama andare anche in montagna salta i rinvi in falesia, ma solo per capire, per ritrovare quella sicurezza che cerca in montagna, è un poco un allenarsi anche questo, quando mi capita di andare con un principiante evito accuratamente di farlo.

A Configni salto Very Happy faccio un figurone, spit ai piedi, spit in pancia, spit alle mani, e salto quello in pancia.. che fenomeno Very Happy



Ciao Adriano


Ultima modifica di AlbertoG il Gio Giu 21, 2012 12:55 pm, modificato 1 volta
avatar
AlbertoG

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 27.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  espo il Gio Giu 21, 2012 12:55 pm

Adriano ha scritto:
biemme ha scritto:

anche perchè in falesia i nemici numero uno sono distrazione e mancanza di concentrazione, spesso entrambe figlie di luoghi ad elevata frequentazione, e ancor più, a dirla tutta, in falesia si fa male/ammazza chi (pur mettendo tutti i rinvii e non facendo cazzate) sale assicurato da persona distratta, non concentrata o inesperta (o peggio ancora, inesperta che non si considera tale).

è possibile, ma cmq statisticamente molto meno probabile che si distragga o si deconcentri uno che arrampica slegato o a distanza dalle protezioni

Bravo Bruno hai centrato la vera questione Cool



già ...
avatar
espo

Messaggi : 764
Data d'iscrizione : 27.03.12
Età : 54
Località : trieste

http://espoclimb.xoom.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  buzz il Gio Giu 21, 2012 12:59 pm

mi riallaccio a questo ultimo post di biemme, che condivido, sottolineando nuovamente quello che raccontando quell'aneddoto avevo sottolineato fin dall'inizio:
quello che mi ha fatto stigmatizzare l'episodio come un'idiozia, non è stato il fatto di scalare senza mettere protezioni, bensì il fatto di farlo in un contesto di assoluto casino, affidando l'altro capo della corda in mano ad una persona assolutamente inesperta.
il fatto che c'era casino lo testimonio io.
il fatto che era inesperta lo testimonia il fatto che le stava mettendo su la corda su una via facilissima, nonché il fatto che ha fatto quello che ha fatto, ovvero bloccare senza avere la certezza che fosse il suo partner quello che aveva chiesto di essere bloccato, tenendo conto che quello non aveva messo protezioni una persona esperta ci penserebbe due volte prima di bloccare, no?
e se non si era resa conto che quello non aveva messo protezioni, vuol dire che non lo aveva guardato per tutta la salita, e quindi era più che inesperta: era proprio alle prime armi.

da tutto ciò, aggiungendo che in queste condizioni scali senza mettere protezioni, deduco che sei un imbecille.
e non, semplicemente, dal fatto che uno scali senza mettere protezioni.



buzz

Messaggi : 7223
Data d'iscrizione : 25.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  abrax il Gio Giu 21, 2012 1:37 pm

Mah... Mi sembra che sia solo questione di quanto ciascuno di noi pone in alto l'asticella.
4 o 5 anni fa ero ad una 20ina di metri da un'istruttore d'arrampicata che a Traversella salendo slegato su un IV, grado nettamente sotto le sue possibilita', è caduto davanti ai suoi allievi ed è morto dopo un decina di giorni di coma.
Ho visto poi tante altre situazioni con rischio simile filare lisce.

Che ognuno faccia le sue scelte. La mia, personalissima ed evidentemente non condivisa, è quella di considerare imbecilli questo genere di arrampicatori.

abrax

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 02.04.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  biemme il Gio Giu 21, 2012 1:51 pm

buzz ha scritto:...

già Wink

infatti ho voluto stigmatizzare quelli che a mio avviso sono i veri pericoli in falesia (e nn solo, chè certe vie e zone frequentate in montagna risentono degli stessi pericoli della falesia)

cmq la migliore chiosa a questo topic la darebbe un racconto di jolly letto tempo fa, che ora nn riesco a trovare, ma che certamente chi l'ha letto .. beh mi ha capito Very Happy (l'ho trovato irresistibile, sia per come è scritto, sia per l'incredibile connubio tra situazione tragica e grottesca nel contempo) Laughing Laughing

p.s. in topic Cool : l'altro giorno scendo x primo dalla vetta lungo le clessidre con due mezze avvolte dietro le mie spalle x attrezzare le doppie successive (eravamo in sei). Arrivo in sosta sotto e ci trovo tre amici che non vedo da tempo e che stanno salendo di lì, con i quali inizio a chiacchierare e scherzare del più e del meno mentre che libero le mie corde e attrezzo la doppia. Svolta la blu la assicuro a me, poi il tempo di svolgere la gialla e lanciarla giù e realizzo che nn l'ho collegata alla blu nè l'ho assicurata a me Shocked Laughing ... in un nanosecondo con un guizzo felino afferro il capo della gialla in corrispondenza del cerotto di fine corda mentre a 100kmh usciva dal maillon verso valle !!!! cheers cheers i presenti son rimasti tra lo stupefatto e lo sbigottito per la mia azione schizzoide e soprattutto per la roboante bestemmia partita più veloce della corda, e che ho troncato nel momento magico del rocambolesco aggancio! Twisted Evil lì per lì neanche avevano capito ... quando ho alzato la mano con la gialla in pugno come un trofeo, ne son seguite risate a crepapelle, non fosse altro che avremmo cmq avuto altre tre mezze corde a disposizione noi, più le corde degli amici lì presenti, ma è stata davvero una scena da film Laughing.

morale : mai mi era accaduto da oltre 30 anni di : 1) lanciare una mezza prima di collegarla all'altra, e nel contempo, 2) non assicurarmi una corda addosso prima di lanciarla Rolling Eyes ... sosta frequentata (e da amici) ... distrazione ... deconcentrazione ... è un attimo, poi è tardi pale
avatar
biemme

Messaggi : 2251
Data d'iscrizione : 13.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  federica boifava il Gio Giu 21, 2012 3:19 pm

Da buona vicentina sono di casa a Lumignano. La falesia è bella grande e molto frequentata anche in inverno. M'è capitato di vedere di tutto e, per fortuna, anche di non vedere.
Ci sono cose che fanno ridere quando ci ripensi; quando te le vedi capitare davanti agli occhi però ti senti mancare.
Una volta ho visto padre e figlia (o il lui in questione aveva un'amante molto giovane) ingaggiarsi su una via dell'Eremo. Mi pare fosse la famosisssssssima "cannette", un 5c lisssssio ultra-ripetuto. Il babbo sale ma gna' a fa' e abbandona la lotta con l'alpe a 3/4 di via. Si fa calare dalla fanciulla, che il gri forse lo vedeva per la pirma volta, lasciando su tutti i rinvii e le dice "vuoi provare ad arrivare fino all'ultimo rinvio che ho messo? Dopo magari ce li facciamo togliere da qualcuno che fa la via a fianco". E via con l'otto all'imbrago della nuova climber che un istante dopo è già concentratissima nei primi movimenti. Al primo rinvio, dopo aver sapientemente dedotto che il passarvi attraverso fosse cosa assai sconveniente, si volta verso il compagno e candidamente suggerisce "tolgo il gancio?" (gancio, si)...
"si, togli tutto"
...
???
TOGLI TUTTO?
La gente continua intanto a farsi i cazzi suoi e ad arrampicare. Un occhio lo buttiamo tutti però...
Io sono lontana col mio compagno di merende e la scena ci arriva di striscio.
La pulzella sale. Si diverte pure.
Arriva là dove il Lui ha alzato bandiera bianca e... click, sgancia il gancio. Toglie il rinvio e lo appende all'imbrago.
Fatevi un attimo il quadro della situazione e vi arriva lampante l'immagine: una bella ragazza a 3/4 di parete, con una corda filante legata all'imbrago che fila dritta come un caccia semplicemente nel gri di quello che prima era il suo compagno e che ora è soltanto l'incarnazione dello sgomento.
La ragazza, evidentemente lucida e presente, ci mette poco a capire d'averla fatta grossa (almeno... sicuramente è stata più sveglia del suo vecchio che le aveva detto di togliere tutto) ma, colta da panico orrendo, rimane bloccata e avvinghiata agli appigli cominciando ad urlare. Fortuna che sulla via di fianco c'era un altro arrampicatore; fortuna che questo saliva da primo e aveva rinvii; fortuna che è stato veloce a salire e a metterle un rinvio e a ripassare la corda.
A me non piace farmi i cazzi degli altri e ODIO quelli che si piazzano sotto la via che stai salendo solo per dirti cosa fanno o cosa avrebbero fatto loro. Ma in caso di sicurezza, se vedo qualche orrenda e pericolosa cazzata, mi sento in dovere di dire ALT, STOP, NONFARECOSICHETAMMAZZI.
Quel pomeriggio eravamo tutti lì e tutti avevamo fiutato la pericolosità della coppia padre-figlia. Qualcuno doveva sconsigliarle di togliere tutto. Magari con una battuta tipo" ma lasciali su che pesano troppo sull'imbrago" e dopo magari far notare al babbo che forse, ma dico forse, essendo la prima volta per la ragazza, forse era anche il caso di specificare che l'ultimo lo doveva lasciare. Si, perchè non è tutto così scontato. Seguire i corsi mi permette di confrontarmi con molta gente e di vedere mooooolta "creatività" in materia di sicurezza. Molte delle cose che diamo per scontate, in realtà non lo sono per uno alle prime esperienze.
Domande del tipo "devo togliere il moschettone in catena", fatte da un "allievo" che per la prima volta conquista una salita in moulinette in falesia e non ci sta più con la testa per l'emozione, non sono così improbabili.
E non bisogna bollare nessuno come "cazzone" se fa un errore inconsapevolmente.
Il vero cazzone è quello che non si pone il problema e che pensa che la parola "sicurezza" sia un sinonimo di "mezzasega".
E io per prima mi includo nella lista per non aver detto nulla quel pomeriggio, anche se era evidente l'imminente disastro.
avatar
federica boifava

Messaggi : 373
Data d'iscrizione : 17.04.12
Età : 36
Località : Vicenza

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Beldar il Gio Giu 21, 2012 3:31 pm

la mia politica in casi simili è semplice, se a fare la cazzata sono palesi inesperti alle prime armi per ignoranza, do una mano e una voce, e cerco di rimettere ordine nel guazzabulgio prima che l tutto degeneri in palese pericolo, senza per questo fare la chioccia; se la cazzata (che spesso è "solo" una sicura sbiscionante per terra, l'assicuratore che fa sicura mandando sms, ... o il salire con 2-3 rinvii su un tiro di 30 metri...) è fatta da gente che non è direttamente con me e scala da tempo, allora vige il "vai vai tranquillo..." Twisted Evil Twisted Evil .
avatar
Beldar

Messaggi : 531
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 46
Località : Sardegna, circa...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  bixio il Gio Giu 21, 2012 4:43 pm

biemme ha scritto:
abrax ha scritto:...Beh, no.
Statistiche alla mano l'arrampicata sportiva ha meno infortuni di altri sport popolarissimi come ad esempio il calcetto.

Probabilmente mi son spiegato male, però io non volevo tanto fare un ragionamento sul costo in soldi per la collettività... ma piuttosto sul fatto che il rischio che ciascuno di noi corre quando prende certe decisioni può avere ripercussioni che non siamo portati a cosiderare (egoisticamente) ma che interessano anche altre persone che si stanno vicino.

Banalmente, se passo una domenica in falesia per rilassarmi in un bell'ambiente facendo sport e uno di fianco a me si ammazza perchè ha fatto il fenomeno ed è salito senza protezioni... capisci che è diverso che se si impicca nella cantina di casa sua.

si abraz, ora non è il caso tuo, chè non ti conosco,

ma è anche vero che chi passa una tantum una domenica in falesia così tanto per rilassarsi e farsi un tiro anzichè un giro in biic, può avere un approccio più pericoloso x se stesso (e soprattutto x gli altri, quando facesse loro sicura) rispetto a uno che va regolarmente in montagna/falesia e si trova a fare un monotiro di falesia saltando qualche protezione perchè sa di viaggiare con margine o perchè vuole allenarsi (e allenare la mente) alla distanza dai fix approfittando della sicurezza di terreno di gioco e protezioni

anch'io se ho uno slegato n metri sopra la mia testa prendo e me ne vado (al remenno e altrove m'è capitato) e non sto certo lì a fargli la morale perchè é liberissimo di farlo, magari sta viaggiando 4 gradi sopra il suo livello e io al confronto ho rischiato molto più di lui a salire il sentiero d'avvicinamento di III slegato.

anche perchè in falesia i nemici numero uno sono distrazione e mancanza di concentrazione, spesso entrambe figlie di luoghi ad elevata frequentazione, e ancor più, a dirla tutta, in falesia si fa male/ammazza chi (pur mettendo tutti i rinvii e non facendo cazzate) sale assicurato da persona distratta, non concentrata o inesperta (o peggio ancora, inesperta che non si considera tale).

è possibile, ma cmq statisticamente molto meno probabile che si distragga o si deconcentri uno che arrampica slegato o a distanza dalle protezioni
d'accordissimo con te! ciao brùWink
avatar
bixio

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 31.05.12
Età : 51
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  bixio il Gio Giu 21, 2012 4:58 pm

abrax ha scritto:Per me, in ogni ambito, la libertà di chiunque è sacrosanta e finisce solo dove va a intaccare quella altrui.

Per questo motivo non sono del tutto convinto che, ad esempio, la scelta di saltare deliberatamente certi ancoraggi e di cosneguenza rischiare la pelle sia così da lasciare alla libera scelta di ognuno.

Il padre che si schianta a terra davandi alla figlia non paga da solo il conto ma lo fa pagare anche alla piccola.
Oppure, faccendo tutti gli scongiuri del caso, se Bixio, che non lo fa per l'adrenalina ma per qualcos'altro che altri (a torto o a ragione) chiamano comunque "adrenalina", si schiantasse a terra per non essersi assicurato come la via prevede, non paga da soli il conto del suo infortunio, ma lo pagano affettivamente anche suoi familiari e amici e in soldoni tutti quanti noi.

Quindi secondo me bisognerebbe non solo pensare alle proprie sensazioni del momento ma mettere in conto anche le conseguenze possibili.



si vabbè..ma allora se la metti cosi dovrei vendermi pure la moto perchè se cado paga la collettività? Wink
avatar
bixio

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 31.05.12
Età : 51
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  dang il Ven Giu 22, 2012 7:16 am

giggio ha scritto:beh, il tuo è un punto di vista che non consideravo; forse intuisco quello che vuoi dire, almeno un pochino. grazie per avere avuto la pazienza di spiegarlo.

Vedi, caro giggio, io continuo a non essere d'accordo su quanto è stato scritto è su come uno come te, che non sono due anni
che scala, viene additato di non capire un concetto che non mi pare poi così complicato. Shocked

Io non critico il free solo e altre attività a rischio.
Mi da fastidio quando queste pratiche vengono fatte in falesie affollate, magari a cazzo perchè se vieni via e mi salti in testa
mentre scalo su una via a fianco perchè hai saltato un rinvio a me girano i coglioni, e se anche ti fai male da solo e basta
perchè hai saltato i primi rinvii e arrivi fino a terra, a me girano lo stesso perchè alla fine rovini la giornata anche a me.

Poi, personalmente, il resto dei discorsi che ho letto mi fanno abbastanza ridere. Probabilmente, tra tutti quelli che hanno
scritto qui dentro sono il più scarso a scalare, ma io, dei miei amici forti, su vie date S3 o S4 in wenden o in ratikon non li ho
mai visti saltare volontariamente gli spit.

Certo che se invece quando si parla di vie di più tiri francesi, ci riferiamo alle vie di ailefrode (quelle veramente oltraggiose
intendo): beh, lì salivo anche io moschettonando un fix si e uno no.
Ma questo non lo facevo perchè ero in preda a visioni mistiche.
In altri posti, invece, cazzo se avrei voluto avere il trapano appeso all'imbrago!!! Laughing

dang

Messaggi : 74
Data d'iscrizione : 24.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  federica boifava il Ven Giu 22, 2012 2:13 pm

non credo che si volesse finire a "duellare" sulla libertà. Con la ocrda, senza corda... ognuno è liberissimo di fare i caxxi sua.
Torno a dire che, secondo me, fa la differenza la consapevolezza di ciò che si sta facendo. Se uno sceglie di salire senza corda avrà i suoi motivi per farlo. Se uno sceglie di non rinviare se non al penultimo ancoraggio, è libero di farlo... basta che non coinvolga nella sua ascesi altre persone.
Se uno rampega da 20 anni, probabilmente è anche libero di scegliere il suo personale concetto di sicurezza, in base alle capacità e alle necessità.
L'incidente non se lo sceglie nessuno, questo è poco ma sicuro. C'è quello che "osa" e quello che fa inavvertitamente una cazzata.
E capita a tutti di farne... l'unica è tenere sempre alta l'attenzione e sorvegliarsi a vicenda, sempre.
A me è capitato di stare slegata, con la schiena appoggiata alla parete e i piedini sull'orlo di una micro-cengia, mente aspettavo che liberassero le doppie. Arrivavo da una serie di calate e tra una chiacchiera e l'altra... mi son persa di vista l'autoassicurazione What a Face
Si che è 'na robetta basilare, no? Si che di solito ci si assicura prima ancora di pensare di farlo...
avatar
federica boifava

Messaggi : 373
Data d'iscrizione : 17.04.12
Età : 36
Località : Vicenza

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  bixio il Ven Giu 22, 2012 4:16 pm

federica boifava ha scritto:non credo che si volesse finire a "duellare" sulla libertà. Con la ocrda, senza corda... ognuno è liberissimo di fare i caxxi sua.
Torno a dire che, secondo me, fa la differenza la consapevolezza di ciò che si sta facendo. Se uno sceglie di salire senza corda avrà i suoi motivi per farlo. Se uno sceglie di non rinviare se non al penultimo ancoraggio, è libero di farlo... basta che non coinvolga nella sua ascesi altre persone.
Se uno rampega da 20 anni, probabilmente è anche libero di scegliere il suo personale concetto di sicurezza, in base alle capacità e alle necessità.
L'incidente non se lo sceglie nessuno, questo è poco ma sicuro. C'è quello che "osa" e quello che fa inavvertitamente una cazzata.
E capita a tutti di farne... l'unica è tenere sempre alta l'attenzione e sorvegliarsi a vicenda, sempre.
A me è capitato di stare slegata, con la schiena appoggiata alla parete e i piedini sull'orlo di una micro-cengia, mente aspettavo che liberassero le doppie. Arrivavo da una serie di calate e tra una chiacchiera e l'altra... mi son persa di vista l'autoassicurazione What a Face
Si che è 'na robetta basilare, no? Si che di solito ci si assicura prima ancora di pensare di farlo...
d'accordissimo con te....soprattutto sulla consapevolezza di sè e ovviamente di non coinvolgere estranei impreparati! E' un bel concetto di libertà personale senza ledere nessuno.....per quanto mi riguarda andrebbe esteso a tutto quello che si fà e non solo all'arrampicata, alla fine stiamo parlando di scelte e di stile di vita!Wink
avatar
bixio

Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 31.05.12
Età : 51
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Ad_adri il Dom Giu 24, 2012 8:21 pm

biemme ha scritto:

anche perchè in falesia i nemici numero uno sono distrazione e mancanza di concentrazione, spesso entrambe figlie di luoghi ad elevata frequentazione, e ancor più, a dirla tutta, in falesia si fa male/ammazza chi (pur mettendo tutti i rinvii e non facendo cazzate) sale assicurato da persona distratta, non concentrata o inesperta (o peggio ancora, inesperta che non si considera tale).

è possibile, ma cmq statisticamente molto meno probabile che si distragga o si deconcentri uno che arrampica slegato o a distanza dalle protezioni



Ed infatti Crying or Very sad

Un paio di giorni fa nella falesia di Maniago un signore è morto precipitando da una ventina di metri , rinvii passati , poi è volato nel tratto facile ........l' assicuratore che pare usasse il secchiello non lo ha tenuto ( tra l' altro ha subito l' amputazione di un dito)...........

fonte soccorso alpino
avatar
Ad_adri

Messaggi : 1427
Data d'iscrizione : 21.05.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pericoli nell'arrampicata in falesia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum