L'attentato al dirigente dell'Ansaldo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

170512

Messaggio 

L'attentato al dirigente dell'Ansaldo




Leggevo questa mattina il comunicato di rivendicazione emesso per il ferimento del dirigente dell'Ansaldo.

https://test.agenzia.etleboro.com/cdn/document/32b87097f5533907f88c3555570450d8.html

In questi giorni ho letto qui e là, in diversi siti di controinformazione, ipotesi complottiste del tipo azione false flag.
Ovvero azione orchestrata da qualche servizio-cellula strettamente controllata dal potere.

Questo, sterminato: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10285
questo, per fortuna più succinto: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10283

Francamente, per quanto mi riguarda ero aperto ad ogni ipotesi. Ne ho viste di tutti i colori in questi anni.
E l'ipotesi di una qualche forma di flase flag era credibile, sicuramente.

Però leggendolo mi sono fatto l'idea che sia vero, cioè che dietro non ci sia nessuno scenario complottista.

Lo scritto è articolato, e non da, mi pare, indicazioni poltiche. Non incita le masse alla lotta armata, alla rivolta spontanea. La scelta è quasi esistenziale. E non in una logica da martiri: cioè mi sacrifico personalmente in un'azione per un luminoso avvenire del movimento. È qualcosa tipo: la vita è una merda, mi tolgo qualche soddisfazione.

C'è questa grossa differenza, enorme, fra questa azione e le azioni di lotta armata (o se preferite il termine, il terrorismo) degli anni 70 e successivi epigoni. Lì c'era un progetto, per quanto delirante, un interlocutore, il proletariato, la classe operaia.
Anche la frangia anarchica, Azione Rivoluzionaria mi pare si chiamasse, agiva con una logica da organizzazione che cercava di oggettivizzarsi, di connotarsi storicamente.
Qui c'è la propria soggettività che compie una scelta, la quale vista da fuori potrebbe intendersi disperata e suicida, perché si proclama che in sostanza la validità del vecchio dire: meglio vivere un giorno da leoni che cento da pecore.

Beh, un servizio segreto non avrebbe avuto un tale acume sociale.
Avrebbe imbottito il comunicato di frasi rivoluzionarie rubate qui e là, avrebbe seguito la logica del passato, rifacendosi a modelli standardizzati.
Non avrebbe inventato questa nuova (nuova per i nostri tempi, non certo storicamente) forma di azione armata.

Non gli frega niente del consenso.
Se avessero seguito la logica del consenso, lo dicono, avrebbero colpito un funzionario di Equitalia.
Nella loro analisi hanno individuato qualcuno che per loro aveva più senso fargliela pagare e lo hanno fatto.



buzz

Messaggi : 7223
Data d'iscrizione : 25.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum