battute ambigue

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

220512

Messaggio 

battute ambigue




Prendo spunto dal topic di Yo
http://www.verticalmente.net/t823-froci-falesisti-alias-ff#22317

e sottolineo che prendo solo spunto, perché sulla leggerezza delle parole di Yo sarei pronto a giurarci,
sia perché so come la pensi, sia perché nel post stesso scrive:
perchè questa è casa nostra! E chiunque si senta frocio o falesista o tutt'e due assieme è il benvenuto.
che già di per sé è indicativo della logica nemmeno lontanamente discriminatoria o omofoba con cui usa questo concetto di "frocio falesista". Anzi lo usa con un certo orgoglio.

Però è un concetto pericoloso. Un po' trito e abusato.
In cui non tutti usandolo hanno la stessa leggerezza di Yo.
Ed è effettivamente una frase che può avere anche connotati dispregiativi, machisti, omofobi.

Nasce, del resto, con questa logica, mettendo a paragone i valori maschi dell'alpinismo, sempre un po' eroico, con lunghi faticosi avvicinamenti, pericoli oggettivi, meteo inclemente, fame e sete, insomma l'esaltazione della sofferenza ai limiti della sopravvivenza, e all'opposto quelli dolci dell'arrampicata in falesia, al sole tiepido con protezioni ravvicinate e avvicinamenti più corti possibile che diventano femminili e quindi per sovrapposizione, froci.

Il tutto nasce molto ironicamente, con la leggerezza che usa la stessa Yo, in ambiente che non sembra usare le parole come realmente discriminatorie. Ma...

in ogni caso... di fatto però nel tempo questa cosa può diventare una di quelle classiche circonlocuzioni che perdono la carica ironica iniziale e vengono ad assumere sapori un po' meno gradevoli.

Paolo75 giustamente dice:
La butto lì: a questo punto si poteva fare anche lo sforzo di smettere l'abitudine delle battute sui froci, e inventarsi qualcosa di nuovo.

Mi sento di dire che ha ragione.

Discutiamone un po'.
Non per essere grigiamente politically correct, ma per evitare di cadere preda di luoghi comuni.
Di reiterare meccanismi di esclusione.
Di evitare logiche chiuse e autoreferenziali.

Spinte su cui è nato questo forum.

Admin
Admin

Messaggi : 1938
Data d'iscrizione : 25.11.11

http://www.verticalmente.net

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

battute ambigue :: Commenti

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 6:22 pm  paolo75

yo ha scritto:Se è l'originale che si cerca allora si dovrà diventare un pò tutti più creativi; magari ci mettiamo le mutande in testa invece che in cu**o e ci dipiangiamo la faccia di rosa e di azzurro così sapremo chi è femmina, chi è maschio, e non ad un frocio che fa scalata...che poi non esisterà nessun frocio nel nostro ambiente? ( e qui mi rivolgo a Paolo75----)



Yo, non mi sono sentito direttamente offeso, se è questo che intendi.

In realtà di battute sul fatto di essere froci ne faccio anche io, con gli amici con cui scalo, e ogni volta me ne pento sempre un po'. Perchè poi ci sarebbe da pensare a quel che si sottintende - consapevolmente o meno - con quell'espressione, FF.
Secondo me significa un po' meno maschio, un po' meno coraggioso, un po' meno forte, mettila come vuoi. L'abbiamo creata pensando alla differenza tra gli alpinisti, veri uomini, e quelli che lo sono un po' meno. Indica dunque una mancanza, una condizione di inferiorità, così come quando faccio una battuta sull'omosessualità intendo sottolineare un difetto (è una roba da froci, se lo fai diventi frocio etc).
Non lo faccio con cattiveria e probabilmente nemmeno tu avevi un intento cattivo, resta il fatto che - a pensarci bene - è una forma di umorismo un po' becera, per quanto efficace.

E ci sarebbe da interrogarsi sul perchè.
Cioè perchè nonostante ci dichiariamo aperti, tolleranti, a favore di una società più aperta e progressista, poi una battuta fatta sulla differeza tra l'essere etero o omosessuali risulta ancora efficace?

Comunque la posizione che ho trovato più curiosa è quella di LucaVi:


Siete delle fighette!

Però questo topic mi piace, perché anch'io avverto spesso nel nostro linguaggio una forma discriminatoria e da "habitué" che tiene a distanza tanti possibili nuovi forumisti.

Cioè il problema non è tanto l'opportunità delle battute in sè, ma il fatto che queste battute possano tenere lontani dei nuovi inscritti.
L'ho trovato un po' sconsolante, ma forse ho capito male.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 6:53 pm  trek2005

a proposito...quando esco per andare in montagna...mia moglie mi dice "aahhh....vai via con i soliti 4 amici ricchioni..."
pur sapendo che spesso siamo ben più di 4 e vengono via anche delle signore...
non è una offesa evidentemente, ma solo un riferimento al fatto che spesso si va via solo con amici maschi...

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 7:06 pm  Admin

paolo75 ha scritto:
Comunque la posizione che ho trovato più curiosa è quella di LucaVi:


Siete delle fighette!

Però questo topic mi piace, perché anch'io avverto spesso nel nostro linguaggio una forma discriminatoria e da "habitué" che tiene a distanza tanti possibili nuovi forumisti.

Cioè il problema non è tanto l'opportunità delle battute in sè, ma il fatto che queste battute possano tenere lontani dei nuovi inscritti.
L'ho trovato un po' sconsolante, ma forse ho capito male.

Non ci vedo una contraddizione.
Nel senso che conoscendoci, si può dare per scontato, come diceva Bummi prima, che non ci sia in certe battute intento discriminatorio o offensivo.
Però, chi invece non è dell'ambiente non lo sa e magari può fraintendere, e allontanarsi prima ancora di capire.

In ogni caso, io al discorso che le battute siano solo battute non credo.
Di fatto non è così.

La realtà è che in generale alla maggior parte di noi non viene affatto naturale essere del tutto indifferenti a a manifestazioni/dichiarazioni di sessualità non eterosessuale. Se hai maturato al convinzione razionale che sia giusto essere corretti, allora cerchi di esserlo, salvo poi abbandonarti facilmente alle solite battute, tanto la tua correttezza formale non può essere messa in discussione.
Professi che tutti abbiano gli stessi diritti. Che tutti siano liberi di esprimere come meglio credere la propria sessualità.
In realtà siamo pieni di subordinate non dette. Moti istintivi repressi.

Siamo molto bravi a mascherarli con i giri di parole, questo sì. In modo da apparire corretti e nel contempo rimanere con i nostri pregiudizi.

Non mi sto riferendo a nessuno in particolare. O forse mi riferisco a me.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 7:20 pm  Drugo Lebowsky

LucaVi ha scritto:Siete delle fighette!

Però questo topic mi piace, perché anch'io avverto spesso nel nostro linguaggio una forma discriminatoria e da "habitué" che tiene a distanza tanti possibili nuovi forumisti.


bene
adesso so che se do del vecchio reciòn al lusentini, sono politicazzy scorretto

si, nel senso che un omosessuale si sentirebbe pesantemente offeso ad essere accostato al succitato lusentini... asd



ps: fioi; secondo me si esagera
ma evidentemente non ci arrivo...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 7:21 pm  Drugo Lebowsky

Mr.Orange ha scritto:ebbasta pure del dare del caiano con leggerezza che per qualcuno è un offesa anche peggiore mrgreen

eh no!
basta???
non esiste!
e spero bene che sia considerata una offesa!

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 8:36 pm  LucaVi

Buzz ha scritto:no. si tratta di evitare, dato che ci si conosce tutti, di parlare dando tutto per scontato, tale che se arriva qualcuno che invece non conosce nessuno si ritrova ai margini, impossibilitato a capire i meccanismi che per gli altri sono normali.

sono meccanismi escludenti che non solo non favoriscono il crescere e l'interscambio nella rete di relazioni (leggi comunità forumistica) ma la fanno assottigliare sempre di più, fino a farla diventare un ridicolo gruppetto di rincoglioniti che si fanno sempre le stesse battute.

e ogni riferimento a situazioni esistenti è puramente casuale.
Quoto questo post di Buzz perché spiega più esaustivamente quello che intendevo, Paolo75.

Cioè, se noi diventiamo per esempio prigionieri di un linguaggio tutto e solo nostro, escludiamo molto probabilmente tanti altri.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 8:54 pm  Ansia Kammerlander

Devo dire che Buzz mi trova d'accordo e che il termine Frocio Falesista mi ha sempre divertita perché usato in modo innocente e in un contesto "protetto", ma le volte che ho avuto occasione di esportarlo in altri ambienti mi sono trovata in imbarazzo... e alla fine non l'ho usato.

Insomma, io ho molti amici omosessuali e so che per loro il termine "frocio" è altamente offensivo, e che se lo sentono sbattere in faccia anche troppo spesso e non per ridere.

Non si tratta di essere bacchettoni ma di valutare l'impatto che l'uso di certe parole può avere sulle persone: non vuol dire censurarsi o censurare, ma semplicemente valutare il peso delle cose che scriviamo.

Faccio un esempio che potrebbe essere analogo. Dai miei amici mi lascio chiamare "la piccola giudìa" o "sporca ebrea comunista", ma se dovessi entrare in un forum dove si parla di giudei o sporchi ebrei comunisti (anche come battuta) dubito che mi troverei a mio agio!

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 9:14 pm  espo

per me questa storia del FF è demenziale. penso che nessuno abbia mai pensato di offendere ne gli omosessuali ne i falesisti puri usando questo termine in un contesto come i forum di arrampicata, ne che queste offese possano esser viste dalla moglie di trek che dice vai con 4 recchioni o se vogliamo estendere il discorso a uno che si sente dire triesticolo, sciavo, o cajano o ubriacone o che cavolo volete voi.

certe battute fanno parte del vivere civile e dello spirito goliardico che ogni attività umana ha. è ovvio che in altri contesti certe parole possono esser offensive, ma ci saran ben dei distinguo. il tempo il luogo il motivo le persone che dicono certe cose avran ben un significato.

se uno si avvicina ad un ambiente, ed è una persona intelligente, etero omo o bi sex che sia, prima di giungere a conclusioni cercherà di capire.

stiamo rasentando il ridicolo. e mi tocca pure dare ragione al Drugo

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 9:57 pm  Admin

dipende dai contesti... da chi dice le cose.. da come le dice e perchè le dice..

se ci prendiamo per il culo fra noi perchè io parlo romano tu parli triestino uno parla toscano... va benissimo...
se ci colgo qualche altra cosa... o se arriva uno mai visto e mi prende per il culo mi può anche far girare i coglioni e capace che piglio quello che insiste troppo e gli dico che se non la smette gli mollo qualcosa in faccia...

ci sono battute che, come dice ansia, da alcune persone posso accettarle, da altri no.
ma chi ti conosce? stai a tuo posto.

non diamo tutto per scontato.


Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mar Mag 22, 2012 10:15 pm  paolo75

Secondo me la parte più interessante della discussione non è quella sul contesto, ma questa:

La realtà è che in generale alla maggior parte di noi non viene affatto naturale essere del tutto indifferenti a a manifestazioni/dichiarazioni di sessualità non eterosessuale. Se hai maturato al convinzione razionale che sia giusto essere corretti, allora cerchi di esserlo, salvo poi abbandonarti facilmente alle solite battute, tanto la tua correttezza formale non può essere messa in discussione.
Professi che tutti abbiano gli stessi diritti. Che tutti siano liberi di esprimere come meglio credere la propria sessualità.
In realtà siamo pieni di subordinate non dette. Moti istintivi repressi.

Siamo molto bravi a mascherarli con i giri di parole, questo sì. In modo da apparire corretti e nel contempo rimanere con i nostri pregiudizi.


Non tutte le battute sono uguali, non si può mettere sullo stesso piano una battuta sull'accento e una sul fatto di essere gay o ebrei. Nessuno viene considerato inferiore, o anche solo diverso, per un accento. Invece - di nuovo - una battuta sul fatto di essere gay o ebreo sottende una forma di discriminazione, più o meno consapevole.
Che tiro da frocio, per dire magari che è poco fisico, non da uomo, o che gradi da frocio, per dire che sono insignificanti.
Sono battute di scarsa importanza, poi se uno ci pensa e trae tutte le conseguenze del caso, salta fuori qualcosa di diverso, che a che fare con quello che ha scritto Buzz qui sopra.
E credo che questo valga anche in un contesto come questo, dove certe espressioni vengono usate in modo scherzoso o goliardico senza (apparentemente) nessuno scopo discriminatorio. Ma forse, azzardo, tra un modo e l'altro di usare una certa espressione, quello che cambia maggiormente è la consapevolezza con cui la si dice.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 6:53 am  grip

espo ha scritto:per me questa storia del FF è demenziale. penso che nessuno abbia mai pensato di offendere ne gli omosessuali ne i falesisti puri usando questo termine in un contesto come i forum di arrampicata, ne che queste offese possano esser viste dalla moglie di trek che dice vai con 4 recchioni o se vogliamo estendere il discorso a uno che si sente dire triesticolo, sciavo, o cajano o ubriacone o che cavolo volete voi.

certe battute fanno parte del vivere civile e dello spirito goliardico che ogni attività umana ha. è ovvio che in altri contesti certe parole possono esser offensive, ma ci saran ben dei distinguo. il tempo il luogo il motivo le persone che dicono certe cose avran ben un significato.

se uno si avvicina ad un ambiente, ed è una persona intelligente, etero omo o bi sex che sia, prima di giungere a conclusioni cercherà di capire.

stiamo rasentando il ridicolo. e mi tocca pure dare ragione al Drugo

mi ci metto dietro a voi 2 pure io....non avrei saputo disquisire meglio....



Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 7:10 am  grip

http://www.omosessuale.it/frocio.php


frocio li...frocio la'!! e poi vien fuori che il termine potrebbe essere stato coniato da voi Romani.... Basketball


cmq i gay han poco da offendersi....se entrano qui' e si parla di ff....dipende le cose in che tono le scrivi...e vale per tutto e tutti...

che si leggano i contesto e il modo...mai e' saltato fuori un sporco frocio...o sti schifosi di ff etcetc...

eppoi se uno da fuori legge FF e non fa parte da tempo di PM-FV o VT che cazzo gli va a significare ste 2 lettere accostate???

meglio tornare a lavorare che qui' lo si piglia in culo anche noi e son ben altri i cazzi da evitare tutto il gg

Mauretto






Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 7:24 am  buzz

paolo75 ha scritto:Secondo me la parte più interessante della discussione non è quella sul contesto, ma questa:

La realtà è che in generale alla maggior parte di noi non viene affatto naturale essere del tutto indifferenti a a manifestazioni/dichiarazioni di sessualità non eterosessuale. Se hai maturato al convinzione razionale che sia giusto essere corretti, allora cerchi di esserlo, salvo poi abbandonarti facilmente alle solite battute, tanto la tua correttezza formale non può essere messa in discussione.
Professi che tutti abbiano gli stessi diritti. Che tutti siano liberi di esprimere come meglio credere la propria sessualità.
In realtà siamo pieni di subordinate non dette. Moti istintivi repressi.

Siamo molto bravi a mascherarli con i giri di parole, questo sì. In modo da apparire corretti e nel contempo rimanere con i nostri pregiudizi.


Non tutte le battute sono uguali, non si può mettere sullo stesso piano una battuta sull'accento e una sul fatto di essere gay o ebrei. Nessuno viene considerato inferiore, o anche solo diverso, per un accento. Invece - di nuovo - una battuta sul fatto di essere gay o ebreo sottende una forma di discriminazione, più o meno consapevole.
Che tiro da frocio, per dire magari che è poco fisico, non da uomo, o che gradi da frocio, per dire che sono insignificanti.
Sono battute di scarsa importanza, poi se uno ci pensa e trae tutte le conseguenze del caso, salta fuori qualcosa di diverso, che a che fare con quello che ha scritto Buzz qui sopra.
E credo che questo valga anche in un contesto come questo, dove certe espressioni vengono usate in modo scherzoso o goliardico senza (apparentemente) nessuno scopo discriminatorio. Ma forse, azzardo, tra un modo e l'altro di usare una certa espressione, quello che cambia maggiormente è la consapevolezza con cui la si dice.

concordo,
a parte Nessuno viene considerato inferiore, o anche solo diverso, per un accento.
tu credi?
considera che l'accento si porta dietro le considerazioni socioculturali sulla città cui è associato.
come fai a dire che non esiste una forma di razzismo incentrata su questi aspetti?
è una delle prime in assoluto in questo paese, preesistente a quella verso gli extracomunitari, visto che fino a qualche decina di anni fa non ce n'erano e chi ne faceva le veci erano i terroni.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 7:28 am  buzz

Va bene.
Stiamo rasentando il ridicolo.

Non me ne frega un cazzo.
La prossima volta che usate queste terminologie pensateci, che qualcuno potrebbe non prenderla per il verso giusto.

Sentire quello che pensano gli altri serve a questo. A riflettere.

Se poi per voi l'esercizio è troppo faticoso o lo ritenete ininfluente a me personalmente non interessa.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 8:05 am  trek2005

Buzz ha scritto:concordo,
a parte Nessuno viene considerato inferiore, o anche solo diverso, per un accento.
tu credi?
considera che l'accento si porta dietro le considerazioni socioculturali sulla città cui è associato.
come fai a dire che non esiste una forma di razzismo incentrata su questi aspetti?
è una delle prime in assoluto in questo paese, preesistente a quella verso gli extracomunitari, visto che fino a qualche decina di anni fa non ce n'erano e chi ne faceva le veci erano i terroni.

a proposito di razzismo...strisciante...
extracomunitari...già questo la dice lunga come alcuni termini siano entrati nella nostra parlata con significato modificato dalla realtà...
nessuno si sognerebbe di dare dell'extracomunitario ad uno svizzero...eppure lo è!

come già scrissi altrove, se c'è una cosa che mi irrita profondamente è sentir dare del "tu" agli sportelli degli uffici
a tutti quelli con caratteri somatici o parlata diversi dai nostri...tranne ad esempio se si tratta di uno con accento "tetesco"...allora torna il "lei"...
una sorta di atteggiamento fra il "paternalistico" e "l'ossequioso" a dir poco fastidioso...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 8:25 am  mork

Io quoto tutti.

Non è una battuta, sono serio. Cioè penso che tutti abbiamo esposto delle posizioni condivisibili. Espo, Spider (oddio mi trovo d'accordo coi uci?)... Sia i contrari sia i favorevoli.

A me personalmente l'utilizzo della parola frocio mi da fastidio. E' un dispregiativo, è una offesa. Se qualcuno la usa come sinonimo di gay oppure omosessuale non lo so, ma non è un semplice sinonimo. Come dire che "Tizio è molto antipatico" e "Tizio è un pezzo di merda" sono la stessa frase.
Sono perfettamente consapevole del contesto e del modo in cui viene usata qui, e mai mi sarei sognato di aprire un topic per chiederne l'abolizione. Ma visto che se ne parla, dico come la penso.

E hai voglia a dire "Io non ho niente contro i gay". Allora perché uno meno coraggioso di te dovrebbe essere apostrofato come frocio? Beninteso, non gay oppure omosessuale, ma frocio. Quindi utilizzando un termine dispregiativo.

Mi sembra quello che dice che ha conosciuto un ragazzo di colore e specifica che è una brava persona. Perché? Essere di colore dovrebbe sottintendere una maggiore propensione al delinquere?

Beninteso, non sono per niente politically correct, ma proprio per un cazzo. Le battute le faccio, e le faccio anche ai gay stessi (perché io ne conosco). Quello che mi da fastidio è l'utilizzo sistematico e abitudinario del termine, quindi come fosse una cosa assodata.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 8:36 am  buzz

mork ha scritto:Io quoto tutti.

Non è una battuta, sono serio. Cioè penso che tutti abbiamo esposto delle posizioni condivisibili. Espo, Spider (oddio mi trovo d'accordo coi uci?)... Sia i contrari sia i favorevoli.

A me personalmente l'utilizzo della parola frocio mi da fastidio. E' un dispregiativo, è una offesa. Se qualcuno la usa come sinonimo di gay oppure omosessuale non lo so, ma non è un semplice sinonimo. Come dire che "Tizio è molto antipatico" e "Tizio è un pezzo di merda" sono la stessa frase.
Sono perfettamente consapevole del contesto e del modo in cui viene usata qui, e mai mi sarei sognato di aprire un topic per chiederne l'abolizione. Ma visto che se ne parla, dico come la penso.

E hai voglia a dire "Io non ho niente contro i gay". Allora perché uno meno coraggioso di te dovrebbe essere apostrofato come frocio? Beninteso, non gay oppure omosessuale, ma frocio. Quindi utilizzando un termine dispregiativo.

Mi sembra quello che dice che ha conosciuto un ragazzo di colore e specifica che è una brava persona. Perché? Essere di colore dovrebbe sottintendere una maggiore propensione al delinquere?

Beninteso, non sono per niente politically correct, ma proprio per un cazzo. Le battute le faccio, e le faccio anche ai gay stessi (perché io ne conosco). Quello che mi da fastidio è l'utilizzo sistematico e abitudinario del termine, quindi come fosse una cosa assodata.

ti quoto pienamente.
e ribadisco che non ho aperto un topic per chiedere l'abolizione di alcunché ma solo per parlarci sopra. che male non fa.

le parole sono importanti.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 8:39 am  espo

paolo75 ha scritto:

Nessuno viene considerato inferiore, o anche solo diverso, per un accento..

non è vero. l'accento può essere motivo di offesa come la sessualità. ovvero è motivo di goliardia.

dipende dal contesto.

in questo contesto non ci sta nulla di offensivo. e questa è la cosa importante. anche le diveristà possono esser motivo di avvicinamento umano e culturale. anche le prese per il culo. molto di + che un formale distacco e un rispetto esagerato di forma che rischia di non esser di sostanza.

non è che qualcuno ha la coda di paglia?

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 8:44 am  espo

mork ha scritto:

Io quoto tutti.

Non è una battuta, sono serio. Cioè penso che tutti abbiamo esposto delle posizioni condivisibili. Espo, Spider (oddio mi trovo d'accordo coi uci?)... Sia i contrari sia i favorevoli.


messo in chiaro che spider è friulano e non triestino

ti faccio presente che per noi qua la parola ucio è fortemente offensiva. a livello di dire figlio di puttana o tua madre è una troia.

ora mi dovrei incazzare?

non penso visto il contesto in cui è usata. come non penso si possa incazzare qualcuno per l'uso della parola frocio in questo contesto.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:24 am  Ansia Kammerlander

Appunto Espo, è in questo caso una questione di contesto. E allora se si resta il circolino chiuso e autoreferenziale non c'è problema: il contesto è chiaro a tutti. Se si vuole essere invece aperti bisogna prendere in considerazione l'ipotesi che a un nuovo venuto il contesto per forza di cose non può essere per nulla chiaro.
Che più persone, nessuna delle quali mi sembra cresciuta in un convento di clausura o in una scuola di partito, abbiano cominciato a riflettere – ecco questo mi sembra un indicatore del fatto che la questione è meno ridicola di quanto non sembri. Non è una questione grave, però è una questione e appunto pensarci non fa mai male alla salute.
In fondo la deriva tetteculi di FV, che a un certo punto ha allontanato un sacco di persone, è andata avanti proprio perché invece di pensare si è ridicolizzato il problema.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:31 am  Drugo Lebowsky

premesso che mi scoccia da morire concordare con un CAIANO e anche SC'IAVO; asd asd asd

sottolineato che quanto riportato da trek è specchio di un VERO problema, che ahimè è decisamente più importante dell'uso/abuso di termini che, è vero, una volta decocontestualizzati risultano di gusto quanto meno opinabile;

trek2005 ha scritto:
come già scrissi altrove, se c'è una cosa che mi irrita profondamente è sentir dare del "tu" agli sportelli degli uffici
...

in merito a:

trek2005 ha scritto:
nessuno si sognerebbe di dare dell'extracomunitario ad uno svizzero...eppure lo è!

mi permetto di far notare che PERSONALMENTE ho sempre dato dell'extracomunitario figlio di una renna a quell'UGROFINNICO di CHRTUR! mrgreen asd asd asd


sono razzista?
si! mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:38 am  grip

Ansia Kammerlander ha scritto:Appunto Espo, è in questo caso una questione di contesto. E allora se si resta il circolino chiuso e autoreferenziale non c'è problema: il contesto è chiaro a tutti. Se si vuole essere invece aperti bisogna prendere in considerazione l'ipotesi che a un nuovo venuto il contesto per forza di cose non può essere per nulla chiaro.
Che più persone, nessuna delle quali mi sembra cresciuta in un convento di clausura o in una scuola di partito, abbiano cominciato a riflettere – ecco questo mi sembra un indicatore del fatto che la questione è meno ridicola di quanto non sembri. Non è una questione grave, però è una questione e appunto pensarci non fa mai male alla salute.
In fondo la deriva tetteculi di FV, che a un certo punto ha allontanato un sacco di persone, è andata avanti proprio perché invece di pensare si è ridicolizzato il problema.


si può' essere....ma ripeto se te leggi scritto FF tu ansia sai che vuol dire....se becchi la tua vicina di casa e glielo fai leggere te prende per scema...credera' che e' na sigla de partito....

se domani un omosessuale o donnasessuale ....entra e legge :" ma va la Espo sei il solito FF"....cosa cazzo capisce???.....ma se nelle lettere FF ci legge falesistafrocio sa benissimo il senso NON offensivo verso i gay ma nel prendere in giro tra alpinisti/arrampicatori....

ok? tvb...wlf-....dc..psi...pdl...fn

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:40 am  Ansia Kammerlander

Sull'FF sono d'accordo! È incomprensibile se non da un addetto ai "lavori". asd

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:42 am  grip

Ansia Kammerlander ha scritto:Sull'FF sono d'accordo! È incomprensibile se non da un addetto ai "lavori". asd


pensa che pure tra un Romano e un Veneto il DC si interpreta in modi diversi firulì

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mag 23, 2012 9:45 am  espo

Ansia Kammerlander ha scritto:Appunto Espo, è in questo caso una questione di contesto. E allora se si resta il circolino chiuso e autoreferenziale non c'è problema: il contesto è chiaro a tutti. Se si vuole essere invece aperti bisogna prendere in considerazione l'ipotesi che a un nuovo venuto il contesto per forza di cose non può essere per nulla chiaro.
Che più persone, nessuna delle quali mi sembra cresciuta in un convento di clausura o in una scuola di partito, abbiano cominciato a riflettere – ecco questo mi sembra un indicatore del fatto che la questione è meno ridicola di quanto non sembri. Non è una questione grave, però è una questione e appunto pensarci non fa mai male alla salute.
In fondo la deriva tetteculi di FV, che a un certo punto ha allontanato un sacco di persone, è andata avanti proprio perché invece di pensare si è ridicolizzato il problema.

a me sembra tanto un problema di coda di paglia. le cose serie sono altre

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum