Ritratti di Grandi Alpinisti: Nicolas Favresse

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

180612

Messaggio 

Ritratti di Grandi Alpinisti: Nicolas Favresse




Qualcuno ha detto che Nicolas Favresse è oggi il numero uno.
Noi non facciamo classifiche, anche perché, per esempio, paragonare Favresse a Ichimura o Steve House è impossibile, troppo diversi sono i terreni d’azione. Anche se non sono certo problematiche come la quota, i lunghi avvicinamenti, la meteo, il freddo, ad impensierire questo fenomenale giovane belga.




I suoi filmati, le sue foto, hanno davvero sconcertato il mondo. Patagonia con le Torri del Paine, la Charagusa walley, Kakarakoum, e il K7, il SudAfrica, la Terra di Baffin e le straordinarie ascensioni sulla colossale parete dell’Asgard, nel 2009, raggiunta a piedi in giorni e giorni e non in elicottero come tanti altri. Il tutto sempre insieme all’inseparabile mandolino (sì, anche durante i 13 giorni spesi sulla parete Est della torre centrale del Paine!), e a un formidabile bagaglio tecnico. 9a in falesia, per Nicolas, e insieme una predisposizione al rischio forse oggi insuperabile (alcuni suoi voli durante tentativi di libera estrema hanno lasciato senza fiato la crema degli alpinisti: com’è possibile che uno accetti di volare così a giorni e giorni dal più vicino posto abitato?).
Classe 1980, belga, Nicolas, come tanti bambini corre e va in bici nella campagna pianeggiante dei paesi bassi. L’illuminazione verticale è del 1995, appena compiuti i 15 anni. E che abbia talento lo si vede subito, dopo un anno è già fra i migliori arrampicatori sportivi del Belgio, e a 18 ha già nel suo Palmarès numerosi primi posti. In un viaggio studi di un anno, che teoricamente lo avrebbe tenuto lontano dalla scalata, scopre le grandi pareti americane, e dopo sei soli mesi torna in patria, deciso ad inseguire una nuova filosofia di vita. Si laurea in marketing nel 2003, ma intanto diventa pluricampione di arrampicata del Belgio, e addirittura si piazza al nono posto in una gara di coppa del mondo, pur non essendo un professionista delle competizioni. Nel 2004 raggiunge il magico grado 9a in falesia, e nello stesso anno, la grande svolta: si reca a Yosemite, dove si lancia sulle pareti de El Capitan. E’ il primo passo verso le Big Walls, che da quell’anno lo vedono indiscusso protagonista mondiale.
Ama la musica, tanto che suona chitarra da quando aveva 10 anni, passione che lo porta tuttora a suonare in molte band. Non ama i film d’azione in stile americano ma segue documentari o altri generi come "Trainspotting" ed "Il favoloso mondo di Amelie".

Alcune imprese:
2011 - Piolet D'Or per la spedizione in Groenlandia
2010 - Premiato dalla rivista Climbing per l’Asgard Mount con il golden piton award.
2009 - Apertura di tre vie nuove sul Monte Asgard.
2009 - Prima libera della "Via dei Sudafricani", parete E, Torre Centrale del Paine, Patagonia.
2008 - Prima ripetizione di "GreenSpit", 8b+, e "Itaca al Sole", 8b.
2008 - Prima ripetizione di "GreenSpit", 8b+, e "Itaca al Sole", 8b.
2008 - Apertura di "The Secret Passage", 5.13c su El Capitan, California.
2006 - Terza ripetizione di Riders On The Storm e 8b+ “Father’s Day” in stile TRAD.
2005 - Sale "L'Appat", 5.13a, nuova via in Yosemite
2004 - Primo 9a “Estado Critico”, Spagna.
2004 - Sale The Rostrum, Astroman, The Crucifix e Free Rider in California.
2002 - 8b a vista, “Florida".
avatar
Trittiko

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 25.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Ritratti di Grandi Alpinisti: Nicolas Favresse :: Commenti

avatar

Messaggio il Mer Giu 20, 2012 4:10 pm  Paolin

grande Nicolas!!
Ho una storiella che mi piace raccontare, su Nicolas
e Sean Villanueva...niente di speciale ma fa capire quanto e' piccolo
il mondo.

Ottobre 2004: io e un caro amico siamo in California, a
ravanare nella peggior maniera su fessure di 5.6 e prendere sonore
bastonate sui denti. Un giorno un amico (the Bear Slayer) ci porta alla
base di El Cap, a salire due corte viette propedeutiche (perche' in 60 mt hanno il condensato di tutto cio' che e' odiabile nella scalata Yosemitine: camini di merda lissi come el cul d'un bambin, fessure del cazzo, incastri del menga e, cigliegina sulla torta, pure una bella Offwidth finale).
Mentre
prepariamo il materiale alla base incrociamo due ragazzotti magri, uno
dei due porta saccone con una serie di adesivi appiccicati e uno di
questi dice:"climbing.be", con una bandiera belga.
Io, che da li a 3
mesi mi sarei trasferito a Bruxelles, attacco discorso e scopro che
sono entrambi belgici. Chiedo quale fosse la migliore palestra di
Bruxelles e uno dei due mi dice "Stone-Age". "Ok, grazie magari ci
vediamo la'", e li salutiamo.

Un anno dopo, a dicembre, ad una
serata organizzata in questa palestra Brussellese, vengo approcciato dal
direttore che mi chiede di aiutare uno dei due autori della serata con
delle info sulla Val di Mello. "Ok", dico io, "nessun problema a chi
devo parlare?".
E mi si presenta Nicolas e Sean.
Dopo una decina
di minuti di chiaccherata chiedo cosa volessero fare in valle a
dicembre....c'e' neve e pure tanta quest'anno . E poi sono placche di
merda, ghiaccio ovunque. Un cesso insomma.
Ah, mi risponde Sean, dobbiamo allenarci ( Shocked ) per una salita che abbiamo in programma in Patagonia ( Shocked Shocked ), Riders on the Storm ( Shocked Shocked Shocked).
Ostia,
dico io, cazzuti siete. E pure familiari...mi ricordate
qualcuno....'spetta...non e' che l'anno scorso eravate a Yosemite e
avete conosciuto due sfigati italiani alla base di El Cap?
vabbeh, long story short,
que due che avevano organizzato la serata e mi chiedevano info sulla
Valle erano gli stessi due che avevamo conosciuto 9,000 km a Ovest in un
pomeriggio d'ottobre. Bravi ragazzi: umili, molto simpatici e molto
forti. Ho un gran bel ricordo di loro. Very Happy

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mer Giu 20, 2012 7:17 pm  Admin

ti sei fatto fregare il camalot verde pure da loro?

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Giu 20, 2012 7:19 pm  Paolin

Ad_buzz ha scritto:ti sei fatto fregare il camalot verde pure da loro?

Laughing

no ma ho fatto una bella figura d'idiota comunque...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Giu 20, 2012 8:40 pm  fab

Paolin ha scritto:
Ad_buzz ha scritto:ti sei fatto fregare il camalot verde pure da loro?

Laughing

no ma ho fatto una bella figura d'idiota comunque...
Puoi specificare che non mi conosci, quando incontri gente figa e forte come quella! Grazie!

Tornando a bomba un bel personaggio fava resse ma si potevano spendere più parole! mrgreen

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Giu 21, 2012 7:59 am  mork

La barba e i capelli adesso che li ho quasi uguali a lui.

Il vivere l'arrampicata in un modo abbastanza "scanzonato", anche ci assomiglia.

Ora mi manca solo il level... per la musica intendo...

Per me è un grande.

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Ott 02, 2012 4:29 pm  mork

mork ha scritto:La barba e i capelli adesso che li ho quasi uguali a lui.

Il vivere l'arrampicata in un modo abbastanza "scanzonato", anche ci assomiglia.

Ora mi manca solo il level... per la musica intendo...

Per me è un grande.

ma pensa te il caso, scopro anche che siamo nati lo stesso giorno Very Happy Very Happy

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Mar Ott 02, 2012 4:42 pm  buzz

dimostrazione che l'astrologia non è una scienza esatta Laughing

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Sab Nov 23, 2013 4:36 pm  Musico Errante

Rispolvero questo topic per non doverne aprire un altro per un paio di considerazioni.

Non nascondo che da quando ho conosciuto tramite il web Favresse nutro una particolare ammirazione per lui e il suo modo di andare in montagna, e che in parte il mio nickname e il mio portarmi dietro, anche se non sempre, un ukulele per i monti siano dovuti a lui.

Premesso questo, secondo me Favresse oggi è uno dei più forti alpinisti in circolazione, e lo testimonia a mio avviso, più che i numeri (l'ultimo in Cina qualche mese fa, vedi sotto, tra l'altro in quota e con lunghezze di misto), il modo scanzonato di andare in montagna, prova di una gran dose di sicurezza e consapevolezza (qualcuno potrà dire che in parte è ostentazione per creare il personaggio, io non credo...)

http://www.planetmountain.com/News/shownews1.lasso?l=1&keyid=41277
http://www.evrardwendenbaum.com/blog/


Però col suo personaggio Nicolas forse rischia di oscurare il suo compagno abituale di scorribande, Sean Villanueva, che secondo me non ha niente da invidiargli, spirito scanzonato compreso mrgreen 

Guardare questi 4 video per credere Wink 

http://www.epictv.com/pages/podcast-serie-host/the-whistler-the-wizard-and-the-raccoon

cià

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum